10 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.27
Messina

la scultura risale all'Ottocento

“Fanculo la patria”: imbrattato monumento ai caduti a Messina

22 Febbraio 2019

Fanculo la patria“, Messina si è risvegliata con questa scritta oggi 22 febbraio. È stata fatta con uno spray nero sulla stele del monumento ai caduti della Batteria Masotto, alla passeggiata a mare del capoluogo.

Si ritiene che sia stata opera di un gruppo di anarchici che hanno deturpato una scultura di fine Ottocento che la cittadinanza aveva fatto installare, con una raccolta fondi, per omaggiare l’impresa dei soldati siciliani che erano morti nella battaglia di Adua, nell’ambito delle politiche colonialistiche dell’allora governo Crispi.

Un gesto vandalico che si è verificato a poca distanza dalle celebrazioni dell’1 marzo, che si volgono proprio davanti al monumento, per commemorare, tra gli altri, il capitano Masotto e il tenente Emilio Ainis.

“Offendere la memoria degli eroi che hanno perso la vita per consentirvi di nascere è come bestemmiare”, ha commentato il sindaco Cateno De Luca.

“Tra l’altro, denota che siete degli ingrati e senza un briciolo di umanità. In giornata Messina Servizi provvederà a cancellare questo gesto infame”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Una Mattina Diversa

Carissimi, erano quasi le ore 20.00 quando al mio congestionato telefonino mi giunse una telefonata da un numero al quale non potevo non rispondere. La voce era quella del segretario particolare del segretario del grande capo.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.