Fase 2, a Taormina tsunami economico che non risparmia nessuno :ilSicilia.it
Messina

turismo e commercio paralizzati

Fase 2, a Taormina tsunami economico che non risparmia nessuno

di
7 Maggio 2020

E’ uno tsunami che non risparmia niente e nessuno quello che si prospetta sul piano economico e sociale anche a Taormina in vista dei prossimi mesi.

La speranza è che il coronavirus possa diventare nei prossimi mesi un brutto ricordo e che l’incubo possa lasciare spazio ad una ripresa del movimento economico, nel turismo e nel commercio e per tutte le imprese del luogo che a vario titolo operano sul territorio e ora temono il tracollo.

Ma la realtà sembra portare in un’altra direzione e nella prospettiva di uno scenario di grande sofferenza, che lascia pochi spazi all’ottimismo. Non a caso, c’è chi parla di una situazione da vero e proprio dopo-guerra.

Stando ad una stima fatta dal sindaco Mario Bolognari, anche sulla base dei dati sulle presenze turistiche, a Taormina da qui al 31 dicembre 2020 nel fatturato alberghiero potrebbero venire a mancare oltre 80 milioni di euro.

Il settore alberghiero conta in città più di 100 strutture ricettive (di cui 11 a cinque stelle) per oltre 7 mila posti letto. Si va qui verso un effetto domino che determinerebbe un duro colpo alle aziende dell’industria dell’ospitalità ma a a cascata anche per il commercio e per il Comune stesso. Senza l’85% dei flussi turistici annuali, cioè quelli stranieri, il Comune rischia di non incassare più nemmeno le briciole di quei 3 milioni e 400 mila euro che erano stati introitati da Palazzo dei Giurati nel 2019 sull’imposta di soggiorno.

I commercianti non avranno ristoro nemmeno dalla presenza in città dei turisti delle crociere, visto che anche questo settore al momento è paralizzato dall’emergenza sanitaria e il 2020 potrebbero virtualmente già essere finito.

Si prospetta un’annata molto difficile anche per il settore extra-alberghiero, un comparto emergente che a Taormina è diventato un punto di riferimento e una fonte di reddito per tante persone. Nella Perla dello Ionio si contano oltre 200 attività di B&b, Case Vacanza e Affittacamere che al momento si trovano nel limbo. Il Governo ha imposto sin qui la chiusura di questo comparto per via dell’emergenza sanitaria ma gli operatori non sanno quando e come potranno ripartire, a quali obblighi e restrizioni saranno vincolati. Anche in questo caso si ipotizza un calo del fatturato di diversi milioni di euro.

Senza contare che in questo ambito, da diversi anni a questa parte, si sono spesso registrate aspre polemiche per la presenza di ulteriori e numerose attività che opererebbero in una condizione di “sommerso”, senza essere in regola con i pagamenti in particolare per l’imposta di soggiorno. C’è tanta preoccupazione nell’extra-alberghiero, dove, tra l’altro, hanno investito i loro risparmi molti giovani che hanno trovato così una prospettiva occupazionale e che hanno rilevato o preso in locazione immobili per i quali si sono assunti impegni economici o acceso dei mutui che rischiano di non poter onorare.

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Dagli sceneggiati alle serie TV

Mi sono avvicinato alla serialità televisiva negli anni 70, quando esisteva solo la Rai che trasmetteva con grande successo di ascolti, quelli che a quei tempi venivano chiamati sceneggiati tv
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin