Fase 2 alla Vucciria, riapre la Taverna Azzurra: "Ma con il caos chiudiamo di nuovo" :ilSicilia.it
Palermo

Dopo le polemiche

Fase 2 alla Vucciria, riapre la Taverna Azzurra: “Ma con il caos chiudiamo di nuovo”

di
18 Maggio 2020

Le bacchettate del virologo Roberto Burioni, le polemiche sul vizio da ‘coronavinus e sugli assembramenti della cosiddetta ‘movida’ della Vucciria a Palermo sembrano essere di secoli fa, eppure sono trascorsi soltanto un paio di mesi. Nel frattempo, ad attirare l’attenzione dei media ci hanno pensato i Navigli di Milano, presi d’assalto all’ora dell’aperitivo da chi non ha resistito all’assembramento da cocktail ‘Fase 2‘.

Ora anche i locali del mercato storico di Palermo stanno pian piano rialzando le saracinesche, dopo essersi conformati alle disposizioni dell’ordinanza regionale sulla sicurezza. Tra questi, c’è la storica Taverna Azzurra, popolarissima tra i palermitani giovani e non, abituali frequentatori o avventori occasionali del bicchiere di zibibbo o dello ‘champagnino‘, come viene chiamata la mezza birra da queste parti: “Seguiremo le linee guida – afferma Piero Sutera, che insieme al fratello Michele gestisce il locale – “Abbiamo predisposto il distributore automatico di gel igienizzante per le mani all’ingresso e in prossimità dei bagni, con l’obbligo di utilizzo delle mascherine all’ingresso del locale. Inoltre – prosegue –, abbiamo creato un percorso a terra col nastro adesivo giallo e nero che indirizza i clienti verso il bancone per garantire la distanza all’interno“.

Igiene garantita anche al bancone: “Abbiamo quattro postazioni per i clienti – dice Sutera –, distanziate un metro l’una dall’altra, in modo da poter accogliere gli avventori e farli uscire, sempre seguendo il percorso guidato, osservando le norme sul distanziamento. Lo stesso discorso vale per il bagno, dove abbiamo segnato delle linee di distanziamento a norma per rispettare il turno. Le dimensioni del locale – sintetizza Sutera – ci consentono di avere quattro persone al bancone e tre in attesa per il bagno rispettando il metro di distanza“.

Questo per quel che riguarda l’interno del locale. E per l’esterno? Lì i gestori di pub e bar possono poco. Si dovrà per forza fare appello al senso civico degli avventori: “Ci auguriamo che la gente sia responsabile – dice Sutera  –, noi invitiamo tutti, molto caldamente, a rispettare il distanziamento. Sappiamo che il rischio che si crei assembramento non può essere escluso a priori. Di conseguenza abbiamo deciso per la chiusura se ci dovessimo rendere conto, specie dopo un certo orario, dell’eccessiva confusione anche all’esterno“.

Pur prendendo tutte le precauzioni del caso, per i locali non è facile districarsi tra i mille rivoli delle norme, che non sempre tengono in considerazione tutte le possibili fattispecie, lasciando a volte difficoltà di interpretazione che possono portare a spiacevoli disguidi: “Le forze dell’ordine non hanno avuto direttive precise su come comportarsi – spiega Sutera – Se all’esterno si dovesse radunare un certo numero di avventori, ad esempio, la responsabilità di chi è? Della persona che se ne sta fregando o del locale? Io nel dubbio – è la conclusione -, per adesso, preferisco chiudere.

LEGGI ANCHE:

 Covid-19? Alla Vucciria e a piazza Sant’Anna a Palermo impazza la febbre da Corona “Vinus” | VIDEO 

Coronavirus, l’infettivologo Burioni rimprovera la movida palermitana 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin