Fase 2: "Vedo buio", a Palermo fotografi e videomaker scendono in piazza :ilSicilia.it

MANIFESTAZIONE INDETTA PER IL 1 GIUGNO

Fase 2: “Vedo buio”, a Palermo fotografi e videomaker scendono in piazza

di
31 Maggio 2020

Fotografi e videomaker depositeranno simbolicamente le loro attrezzature domani mattina, alle 11, in piazza Politeama a Palermo.

Una manifestazione che ha per slogan “Vedo buio“, per testimoniare la crisi che stanno patendo da settimane i professionisti dell’immagine. Il motivo è da rintracciare nelle restrizioni dovute alla pandemia Covid-19 che, di fatto, ha costretto ad annullare tutte le cerimonie.

L’APPELLO DI CARMELO FERRARA

Le misure di contenimento del contagio hanno penalizzato il nostro settore – spiega Carmelo Ferrara -. Le imprese hanno subito l’azzeramento delle commesse relative a matrimoni, prime comunioni, battesimi, eventi di ogni genere. Ma anche l’attività di promozione pubblicitaria delle aziende fino ai piccoli servizi“, sottolinea Ferrara.

Ma per la fotografia si prospetta un 2020 di blocco totale, nonostante la graduale ripartenza di altri settori.

I nostri appelli finora non sono stati raccolti dalla politica, servono interventi eccezionali, veloci e senza discriminazioni per il sostegno al reddito con finanziamenti a fondo perduto per gestire la ripartenza delle nostre imprese – spiega Ferrara – servono misure come il prolungamento del bonus di 800 euro sino a dicembre 2020, la sospensione delle tasse, dei mutui e delle bollette di tutte le utenze, oltre agli adempimenti fiscali e contributivi. Abbiamo bisogno di aiuto concreto per gli affitti, altro che credito d’imposta. La politica ha pensato a tutti, ma ha dimenticato la nostra categoria che da anni testimonia con le immagini i momenti più gioiosi dei siciliani e noi rischiamo davvero di finire sul lastrico”, conclude.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.