Fatale il passaggio a "Ora Sicilia", Tony Rizzotto espulso dalla Lega | ilSicilia.it :ilSicilia.it

il deputato regionale messo alla porta

Fatale il passaggio a “Ora Sicilia”, Tony Rizzotto espulso dalla Lega

di
3 Luglio 2019

Il deputato regionale Tony Rizzotto è stato espulso dalla Lega Salvini Premier. La decisione è del commissario del partito in Sicilia, il senatore Stefano Candiani, ed è motivata dall’adesione di Rizzotto al gruppo parlamentare di “Ora Sicilia” guidato da Luigi Genovese.

Al deputato regionale, fino a ieri unico leghista a Palazzo dei Normanni, viene contestata anche “la totale inconsistenza dell’attività parlamentare svolta in rappresentanza della Lega Salvini Sicilia all’interno dell’Assemblea Regionale Siciliana dall’inizio della legislatura”: Rizzotto, infatti, dal momento in cui è stato eletto non avrebbe presentato nessun atto parlamentare, non un’interrogazione, non un’interpellanza, non un disegno di legge.

“Tali condotte – taglia corto Candiani – risultano incompatibili con l’appartenenza al partito”. 

Un provvedimento che, dunque, era nell’aria, ma che ha avuto un’accelerazione con l’adesione “non
autorizzata”, al gruppo “Ora Sicilia” da parte del deputato, che da tempo pare gravitasse nell’orbita dell’assessore regionale Ruggero Razza.

“Rizzotto ha gettato la maschera – prosegue Candiani – aderendo ad un partito che ospita solo transfughi e che nulla può avere a che fare con la Lega. “Ora Sicilia” con Luigi Genovese è quanto di più lontano possa esserci dalla Lega Salvini Sicilia. In Sicilia stiamo lavorando per portare buonsenso e trasparenza non ci servono amministratori con una storia politica segnata da tanti punti interrogativi o che cambiano casacca per meri tornaconti personali. La Lega non è interessata alle poltrone ma a programmi politici credibili, che rispondano alle esigenze del territorio, non ci servono politici opportunisti che in un anno e mezzo di legislatura hanno prodotto appena 15 atti.  In questo percorso di rinnovamento della Lega Sicilia – conclude Candiani – non c’è posto per deputati politicamente inconcludenti e inaffidabili”.

 

LEGGI ANCHE:

“Meglio soli…” La Lega primo partito non ha nessuno nei posti di comando

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.