"Fatture false per oltre 20 milioni": in manette un imprenditore del Messinese :ilSicilia.it
Banner Bibo
Messina

l'operazione della guardia di finanza

“Fatture false per oltre 20 milioni”: in manette un imprenditore del Messinese

di
11 Febbraio 2019

Nell’ambito dell’Operazione “Succhi d’oro”, la guardia di finanza di Messina ha contestato un giro di fatture false per oltre 20 milioni e l’indebita percezione di un finanziamento europeo di circa 5 milioni a Salvatore Imbesi, imprenditore 58enne e consigliere comunale di Barcellona Pozzo di Gotto, che opera nel settore agrumicolo, che è stato arrestato. Sequestrati beni per 10 milioni di euro tra quote sociali, conti correnti, disponibilità finanziarie e immobiliari riconducibili a tre persone indagate e a una Società coinvolta nella frode.

I reati ipotizzati per Imbesi, che è stato anche assessore al Bilancio, sono truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche, riciclaggio, emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte.

Le indagini avrebbero permesso di scoprire “un complesso sistema di false fatturazioni, posto in essere principalmente – scrivono gli investigatori – attraverso due Società del Barcellonese, una operante nel settore agrumario e l’altra in quello edile, entrambe riconducili al medesimo rappresentante legale – finalizzato sia all’evasione delle imposte sia all’ottenimento, indebito, di un finanziamento comunitario per un importo complessivo di circa 5 milioni euro“.

Le due Società avrebbero documentato una serie di rapporti commerciali mediante l’utilizzo di fatture false e fornito una falsa rappresentazione degli investimenti riguardanti l’ampliamento e l’ammodernamento di un impianto di trasformazione agrumaria. Avrebbero inoltre simulato rapporti commerciali fittizi riguardanti la compravendita di agrumi, documentati attraverso l’emissione e l’utilizzo di fatture relative a operazioni inesistenti.

Le indagini finanziarie svolte sui conti correnti bancari degli indagati e delle Società coinvolte hanno consentito, tra l’altro, di accertare l’ipotesi del reato di riciclaggio in capo al figlio dell’imprenditore.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Come andato questo giro?

Lo sanno tutti che qui tutto cambia affinché tutto rimanga come prima e per questo per avere una chance dopo aver perso, meglio non farsi nemico l’avversario
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin