Fava: "Cancelleri parla di mafia come i libri delle scuole elementari" :ilSicilia.it

Lo ha detto ad Agorà, su Rai3

Fava: “Cancelleri parla di mafia come i libri delle scuole elementari”

2 Novembre 2017

Cancelleri parla di mafia come un libro di testo delle scuole elementari. Io di questi temi mi occupo da tanti anni, non perché mi hanno ammazzato il padre, ma perché sappiamo che la mafia è una presenza consolidata nella storia politica e nell’economia siciliana. La mafia è un governo parallelo che ha nomi e cognomi e intercetta fondi pubblici. Esiste una mafia 2.0 che investe nell’eolico, nella sanità d’eccellenza e nella raccolta dei rifiuti. Dobbiamo capire in che modo questa economia parallela della mafia sia entrata nell’amministrazione regionale”.

Lo ha detto Claudio Fava, candidato della sinistra alla Presidenza della Regione Siciliana, ospite di Agorà su Rai3. “Io voglio capire se siamo in condizioni di indicare i nomi e cognomi di chi continua a controllare un pezzo dell’economia siciliana, c’è bisogno di coraggio civile. Basterebbe parlare delle stazioni appaltanti e delle imprese di facciata”, ha aggiunto Fava.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.
Ieri 17:03