Fava risponde ad Antoci che chiede le sue dimissioni: "Lui ossessionato e infelice" | VIDEO INTERVISTA :ilSicilia.it
Banner Bibo

Parla il presidente della commissione Antimafia dell'Ars

Fava risponde ad Antoci che chiede le sue dimissioni: “Lui ossessionato e infelice” | VIDEO INTERVISTA

di
29 Luglio 2020

GUARDA IL VIDEO IN ALTO

Il Presidente della commissione Antimafia regionale Claudio Fava, ospite de ilSicilia.it, risponde a Giuseppe Antoci, che era intervenuto a Bar Sicilia all’indomani dell’archiviazione dell’indagine bis da parte del gip di Messina sui dubbi sull’attentato di cui l’ex presidente del Parco dei Nebrodi fu vittima nel maggio del 2016.

Sono diverse le perplessità di Fava sulla questione: “Il procuratore della Repubblica ha ritenuto di riattivare le indagini, ma come unico atto istruttorio ha acquisito ha acquisito la relazione – ha affermato il parlamentare regionale – Un’operazione più da simulazione di indagine. L’inchiesta che abbiamo licenziato indicava diversi filoni che secondo noi avrebbero avuto bisogno di essere approfonditi, dal confronto tra due funzionari di polizia che non sono mai stati ascoltati insieme e continuano a dare versioni diverse, a un supplemento di perizia tecnica, a molti altri approfondimenti che con i mezzi di cui dispone l’autorità giudiziaria potevano essere affrontati“.

Fava entra nel merito del giudizio del gip, che ha bollato come ‘elucubrazioni mentali’ le conclusioni della commissione regionale Antimafia. “Ci dispiace il tono sopra le righe di questa giovane gip nel dare ragione al procuratore e torto al lavoro della commissione – sono le parole del deputato regionale – Un giudice parla con gli atti. Dispiace che quella conclusioni vengano dette cose abbastanza false con una frettolosità che preoccupa“.

A questo punto una precisazione sul lavoro dell’Antimafia regionale: “La commissione è accusata di avere sparso illazioni sulla presunta complicità di Antoci sull’attentato, cosa assolutamente falsa – afferma Fava – la relazione dice esattamente il contrario nella premessa e nelle conclusioni: Antoci è vittima, in ogni caso, consapevole o inconsapevole, ma assolutamente vittima“.

Fava è stato ascoltato dalla commissione nazionale Antimafia, dove ha ricevuto diversi appunti sul lavoro dei commissari regionali: “C’è stato un attacco scomposto attraverso urla da stadio e insulti personali da parte di due signori, due sentori, tal Mirabelli e il ben noto Giarrusso – è il suo racconto – La commissione Antimafia non va identificata con le provocazioni portate da questi due signori. Io su invito del presidente ho riepilogato il lavoro che abbiamo fatto, il metodo che abbiamo seguito, i punti di contraddizione che questa relazione ha individuato, poi c’è stato il gioco alla provocazione di queste due persone“.

A questo punto la risposta ad Antoci, che di Fava ha chiesto le dimissioni da Presidente della commissione regionale Antimafia dopo l’esito dell’inchiesta bis sull’attentato subito: “Antoci mi sembra una persona ossessionata e infelice – dice tranchant il presidente della commissione regionale Antimafia – Ossessionata perché le mie dimissioni sono diventate la ragione della sua vita. E in questo colgo anche gli elementi dell’infelicità, perché doversi accompagnare a due signori (Giarrusso e Mirabelli, ndr) che attraversano i salotti televisivi e quelli online per chiedere le mie dimissioni mi sembra come causa di esistenza una cosa piuttosto infelice. Ne prendo atto. Ci saremmo aspettati gratitudine (da Antoci, ndr), perché questa indagine serve a fornire verità innanzitutto a lui, ma capisco che parlare di quello che è accaduto quella notte senza osservare come un atto di fede le conclusioni parziali a cui è arrivata la magistratura messinese è già in sé un atto di sfida, un’aberrazione, una lesa maestà, un’offesa che lui sente su di sé. Non capiamo perché“.

Chi parla di questa vicenda si legga la relazione: contraddizioni, asimmetrie, investigazioni mai approfondite sono elencate e raccolte durante oltre sei mesi di lavoro e non sono frutto di pregiudizio. Sono l’esito di una preoccupazione, di un’indagine che dice ‘occhio, di questa vicenda non si deve parlare’, per quattro anni non se ne è parlato, non ci sono colpevoli, il gip scrive che non c’è movente. Abbiamo archiviato… ma se si tocca questo nervo scoperto qualcuno si imbizzarisce… ecco… sembra che forse c’è qualcosa che su questa vicenda è bene tenere in un angolo oscuro della nostra attenzione. E siccome lo scopo della commissione antimafia è andare a fare luce proprio lì dove pretendono che restino a pesare le tenebre è il lavoro che noi continueremo a fare – chiosa Fava –, che ad Antoci piaccia o meno“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti