Favignana rilancia le attività della tonnara con "Pescebello"| FOTO :ilSicilia.it
Trapani

Tre giorni ricchi di eventi

Favignana rilancia le attività della tonnara con “Pescebello”| FOTO

di
2 Luglio 2018

Le strutture museali siano un luogo di tutti, anche di intrattenimento, si può andare a visitare un museo anche per incontrare un amico, trascorrere del tempo in allegria oltre che per conoscere la storia, la cultura e le tradizioni. Dobbiamo essere capaci di creare eccellenze nell’offerta culturale e di promuovere la conoscenza dei tesori che abbiamo anche tra i nostri concittadini che spesso non conoscono quanto di bello e prezioso la Sicilia custodisce”. Lo ha detto l’assessore ai Beni culturali della Regione Siciliana, esperto e studioso di “cose” del mare, Sebastiano Tusa che sabato sera ha partecipato all’iniziativa “Pescebello Fish Tour delle Isole – speciale Tonnara”.

Favignana, Levanzo e Marettimo sono state protagoniste per tre giorni di mostre, racconti di tonnara, canti della tradizione, visite guidate, laboratori, degustazioni, cooking demo, talk show, bike tour, regate e pesca. La manifestazione è stata organizzata dal FLAG (Fisheries Local Action Group) – Gruppo di Azione Costiera (GAC) Isole di Sicilia, che punta a promuovere e rafforzare la competitività delle zone di pesca, ristrutturare e orientare le attività economiche, promuovendo pesca-turismo ed itti-turismo senza determinare un aumento dello sforzo di pesca.

Ma l’assessore Tusa ha annunciato anche che le strutture culturali della Sicilia devono aprirsi all’imprenditoria e ai privati “In futuro questi spazi devono continuare a vivere non soltanto con le risorse pubbliche ma dobbiamo favorire il collegamento con il mondo dei privati. Rispetto al passato, oggi, serve una mentalità diversa della gestione dei beni culturali, che abbiamo sempre custodito gelosamente. La società oggi ci chiede di gestire e valorizzare al meglio il nostro patrimonio”.

Talk show nell’ex stabilimento Florio, con poesie e suggestioni musicali di Maria GuccioneJosè Tammaro. Al dibattito hanno partecipato Giuseppe Pagoto, sindaco di Favignana e presidente FLAG – GAC Isole di Sicilia, di Luigi Biondo, direttore del Polo Museale di Trapani “Pepoli”, Dario Cartabellotta, dirigente generale della Pesca della Regione Siciliana e presidente del Registro Identitario Pesca Mediterranea, Maria Guccione, anima di Favignana e per anni punto fisso della ristorazione con la sorella Giovanna per amanti del buon cibo, il “cuciniere” Peppe Giuffré e Pino Maggiore, chef della Cantina Siciliana, Antonella De Santis del Gambero Rosso, Cleo Li Calzi del Cda Gesap, Robert Piattelli, ideatore BTO di Firenze, Tony Siino, digital strategist, Dario La Rosa, giornalista e autore del progetto PLASTIC. Intermezzo musicale di Lelio Giannetto al contrabbasso.

Si è parlato di tonno, tonnare, nuove frontiere del “food business”, di cultura e turismo legati ai beni culturali, al mare e all’economia del mare.

In questi anni abbiamo cercato di difendere l’identità del mare, dei pescatori, delle nostre isole e dei loro abitanti – ha detto Giuseppe PagotoFavignana si candida a diventare sede di una tonnara sostenibile, anche con una piccola quota tonno, l’Amministrazione comunale in questi anni si è sempre battuta per il ritorno in attività della nostra tonnara che deve e vuole rinascere sia per continuare a tramandare il lavoro unico dei tonnaroti, ma anche per dare un contributo alla nostra economia legata alla tradizione. Sappiamo bene quanti interessi ci siano a livello internazionale dietro la pesca del tonno e la sua commercializzazione. Siamo riusciti a salvare nelle nostre isole solo la tonnara di Favignana, visto che L’Unione europea voleva cancellare le tonnare inattive, adesso il nostro obiettivo è quello di calare le reti nel 2019”.

Non possiamo non riconoscere che il tonno e la pesca del tonno rappresentano un elemento fondamentale della cultura e della tradizione degli abitanti delle Egadi e quindi non può scomparire, quindi rinnovare e portare avanti questa tradizione anche in modo ecosostenibile non può che arricchirci”, ha sottolineato l’assessore Sebastiano Tusa.

L’obiettivo è quello di promuovere la tonnara quale attrattore culturale e la “civiltà della tonnara” come patrimonio storico culturale delle marinerie e dei territori. La tonnara fissa di Favignana, infatti, è in corso di riattivazione, pronta, dopo 11 anni a riprendere la sua storica attività. A partire dal 2016 gli ultimi “tonnaroti”, circa 20 operatori, hanno lavorato e rimesso in mare le reti della tonnara, sistemato il naviglio di pertinenza e altre attività finalizzate alla pesca del tonno in tonnara secondo la tradizione locale.

La tonnara è un luogo di civiltà e di cultura – ha affermato Dario Cartabellottaabbiamo avviato un percorso che deve portare alla formula di un’economia virtuosa, perché se il tonno viene pescato nei nostri mari, lavorato nella nostra tonnara e cucinato nel nostro territorio certamente avremo arricchito un po’ di più l’economia di questi splendidi luoghi. Siamo certi che la nostra è una pesca sostenibile”.

Assegnato un riconoscimento ai tonnaroti di Favignana con un’opera dell’artista Grazia Pizzillo. A chiudere cooking demo del “cuciniere” Peppe Giuffré e Pino Maggiore, che hanno preparato una versione particolare della classica caponata siciliana. Nell’ex stabilimento Florio è possibile anche l’installazione che fa parte del progetto PLASTIC di Dario La Rosa, visitare la mostra pittorica su tonni e tonnare a cura di Grazia Pizzillo e la mostra fotografica di Iacopo Giannini dal titolo “Favignana, luoghi persone e tradizioni”. In programma visite guidate alla Grotta del Pozzo e al Centro Tartarughe dell’Area Marina Protetta.

“Pescebello Fish Tour delle Isole – speciale Tonnara” si è concluso domenica sera con una pedalata in bici alla scoperta di percorsi naturalistici Favignana, lungo uno degli itinenari ciclistici dell’isola. La pedalata, che si inserisce nel progetto di sostenibilità ambientale Sole e Stelle delle Egadi, è organizzata dal Comune in collaborazione con Pescebello e FIAB, la Federazione Amici della Bicicletta. Quest’anno Favignana ha infatti ricevuto il massimo riconoscimento fra i comuni più ciclabili d’Italia.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.