Favignana: si è dimesso il sindaco Giuseppe Pagoto :ilSicilia.it
Banner Bibo
Trapani

accusato di corruzione, abuso d'ufficio, falso, frode in pubbliche forniture e truffa

Favignana: si è dimesso il sindaco Giuseppe Pagoto

di
21 Luglio 2020

Si è dimesso il sindaco di Favignana, Giuseppe Pagoto, che da venerdì si trova agli arresti domiciliari, accusato di corruzione, abuso d’ufficio, falso, frode in pubbliche forniture e truffa.

In mattinata il segretario comunale ha acquisito la lettera di dimissioni dell’ormai ex primo cittadino a cui hanno fatto seguito le dimissioni dell’intera giunta, prospettando un ipotetica finestra di voto ad ottobre. In seguito all’applicazione della misura cautelare il prefetto Tommaso Ricciardi aveva disposto la sospensione, in virtù della legge Severino.

L’indagine della procura di Trapani (procuratore aggiunto Maurizio Agnello, sostituti procuratori Matteo Delpini e Rossana Penna) denominata ‘Aegades’ riguarda in totale 24 persone, tra cui l’ex direttore dell’Area Marina Protetta, Stefano Donati (sottoposto all’obbligo di dimora a Roma), l’ex vicesindaco Vincenzo Bevilacqua, il comandante della polizia municipale, Filippo Oliveri, e una dipendente di una compagnia di navigazione di Napoli, tutti e tre gli arresti domiciliari.

Alcuni degli indagati oggi verranno interrogati dal gip Emanuele Cerosimo. Secondo l’accusa, Pagoto era al centro di “un presunto accordo corruttivo sull’aggiudicazione del contratto di fornitura di acqua potabile, mediante navi cisterna, nelle isole minori della Sicilia. L’accordo – secondo le indagini della Guardia di Finanza – consisteva “nell’omettere i controlli nello scarico dell’acqua” e nella “falsa attestazione di fornitura di quantitativi superiori a quelle effettivamente erogati” che erano pagati dalla Regione Sicilia, che avrebbe avuto un danno erariale stimato dalla guardia di Finanza in circa 2 milioni di euro.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti