Favignana: si è dimesso il sindaco Giuseppe Pagoto :ilSicilia.it
Trapani

accusato di corruzione, abuso d'ufficio, falso, frode in pubbliche forniture e truffa

Favignana: si è dimesso il sindaco Giuseppe Pagoto

di
21 Luglio 2020

Si è dimesso il sindaco di Favignana, Giuseppe Pagoto, che da venerdì si trova agli arresti domiciliari, accusato di corruzione, abuso d’ufficio, falso, frode in pubbliche forniture e truffa.

In mattinata il segretario comunale ha acquisito la lettera di dimissioni dell’ormai ex primo cittadino a cui hanno fatto seguito le dimissioni dell’intera giunta, prospettando un ipotetica finestra di voto ad ottobre. In seguito all’applicazione della misura cautelare il prefetto Tommaso Ricciardi aveva disposto la sospensione, in virtù della legge Severino.

L’indagine della procura di Trapani (procuratore aggiunto Maurizio Agnello, sostituti procuratori Matteo Delpini e Rossana Penna) denominata ‘Aegades’ riguarda in totale 24 persone, tra cui l’ex direttore dell’Area Marina Protetta, Stefano Donati (sottoposto all’obbligo di dimora a Roma), l’ex vicesindaco Vincenzo Bevilacqua, il comandante della polizia municipale, Filippo Oliveri, e una dipendente di una compagnia di navigazione di Napoli, tutti e tre gli arresti domiciliari.

Alcuni degli indagati oggi verranno interrogati dal gip Emanuele Cerosimo. Secondo l’accusa, Pagoto era al centro di “un presunto accordo corruttivo sull’aggiudicazione del contratto di fornitura di acqua potabile, mediante navi cisterna, nelle isole minori della Sicilia. L’accordo – secondo le indagini della Guardia di Finanza – consisteva “nell’omettere i controlli nello scarico dell’acqua” e nella “falsa attestazione di fornitura di quantitativi superiori a quelle effettivamente erogati” che erano pagati dalla Regione Sicilia, che avrebbe avuto un danno erariale stimato dalla guardia di Finanza in circa 2 milioni di euro.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Balzebù
di Balzebù

Cancelleri, ma la lista civica non garantisce l’elezione

Il Movimento 5 stelle è ormai un’accozzaglia di correnti. Da un lato Luigi Di Maio, da un altro lato Alessandro Di Battista, da un altro ancora Roberto Fico ed ancora-ancora Paola Taverna. Poi ci sono le sottocorrenti che a loro volta si suddividono in gruppi e sottogruppi. In questo frastagliato mosaico è molto difficile capire dove collocare i pentastellati siciliani, sia quelli eletti al parlamento nazionale che quelli eletti all’Ars.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin