16 ottobre 2018 - Ultimo aggiornamento alle 20.07
caronte manchette
caronte manchette
Messina

la riunione si è svolta a Sant'Alessio

Federalberghi Riviera Jonica-Messina: un rendez vous su sviluppo e turismo

19 aprile 2018

Si è tenuto nelle scorse ore a Sant’Alessio il direttivo Open Day di Federalberghi Riviera Jonica Messina, l’organizzazione presieduta da Pierpaolo Biondi, che rappresenta le attività turistico-ricettive presenti negli oltre 20 Comuni della Riviera Jonica che vanno dal Comune di Letojanni sino ad Itala. Testimonianza della attiva sinergia con i comprensori turistici della provincia messinese sono state la presenza e gli interventi del presidente di Federalberghi Taormina, Italo Mennella, ed il presidente di Federalberghi Isole Eolie, Christian del Bono. I presidenti delle associazioni datoriali delle più importanti destinazioni turistiche della Sicilia hanno ribadito e spiegato l’importanza di fare rete tra le imprese, le associazioni di categoria e le istituzioni.

I temi dell’Open Day sono considerati di fondamentale importanza per lo sviluppo economico e sostenibile della riviera. Primo fra tutti le possibilità offerte dal Gal Taormina-Peloritani, in rappresentanza era presente Tiziana Maggio, che ha tecnicamente e dettagliatamente informato in merito alle opportunità di finanziamento rivolte al comparto turistico, possibilità che non si possono lasciare sfuggire, in quanto rappresentano delle condizioni concrete e reali per la creazione e lo sviluppo di nuove attività con il conseguente aumento dei posti di lavoro.

Ulteriore argomento mirato allo sviluppo sostenibile del territorio è stato il Contratto di Rete, formula spiegata dall’ex commissario della Provincia di Messina, Francesco Calanna e dal Giusi Maniaci, che hanno illustrato il “case history” del neonato Contratto di Rete del Gusto e dell’Accoglienza, sistema di imprese che si sta attivando nel territorio dei Nebrodi, ben noto per il suo sviluppo e le sue attività. Proprio in relazione al contratto di rete, il presidente Pierpaolo Biondi, ha annunciato la volontà della creazione del “Progetto Riviera Green Mobility” che mira, grazie ad i finanziamenti accessibili alle imprese in rete, a dotare le aziende ricettive di veicoli a basso od a zero impatto ambientale.

Per quanto riguarda la diversificazione dell’offerta turistica era è intervenuta Margherita Ferro, presidente del Distretto Produttivo Termale Siciliano. Durante l’incontro sono state annunciate una serie di iniziative ed incontri per l’avvio di una stretta collaborazione tra le attività ricettive della Riviera Jonica e le Terme di Ali’.

Infine, è intervenuto il vicepresidente di Federalberghi Riviera Jonica Messina, Giovanni Foti, che ha illustrato
alla platea le possibilità offerte dal Contratto d’Area, ulteriore soluzione per il finanziamento delle aziende che abbiano obiettivi di investimento più ampi, questa rappresenta una opportunità ed una risorsa economica di alto livello, in grado di attirare investimenti atti ad alzare la qualità dell’offerta turistica.

I lavori sono stati conclusi da Pierpaolo Biondi, che ha sottolineato come Federalberghi Riviera Jonica Messina intende porsi come organizzazione ed hub a supporto reale e concreto di tutte le attività ricettive e turistiche, diventando un vero punto di riferimento per il turismo del territorio. Biondi ha rimarcato che “è necessario cessare la politica del lamento, bisogna fare ed oggi si può, in quanto possiamo avere le informazioni e le risorse necessarie, ma ciò di cui vi è più bisogno è la volontà e la sinergia”, sinergia già collaudata con le Associazioni della Provincia di Messina, e confermata dalla presenza delle Federalberghi di Taormina e delle Isole Eolie.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Il Dirottamento dell’Autobus

Chi ricorda i tempi dei “Gufi” rammenterà il brano sul dirottamento del 18 e non DC8 come frequentemente accadeva di quei tempi. Analoga esperienza ho fatto io oggi ma non sul 18 ma sul 102 perché da noi gli autobus iniziano con il 100.
Andiamo a quel Paese
di Valerio Bordonaro Marco Scaglione

Diario di Singapore – Seconda Parte

Opportunità di business per le aziende siciliane, sia nella grande distribuzione, sia in hotel, ristoranti e catering. A Singapore i prodotti che potrebbero avere mercato sono: i preparati per gelato, i dolci da forno, i formaggi, le birre semi-artigianali, le conserve di verdura e le conserve ittiche.