Federalberghi vince al Tar contro Airbnb: obbligatorio riscuotere la cedolare secca :ilSicilia.it
Messina

Sentenza sugli affitti brevi

Federalberghi vince al Tar contro Airbnb: obbligatorio riscuotere la cedolare secca

di
18 Febbraio 2019

“Airbnb deve riscuotere la cedolare secca e comunicare all’Agenzia delle Entrate i nomi e i redditi dei locatari”. Lo annuncia Federalberghi, che ha avuto la meglio al Tar del Lazio nella battaglia legale contro Airbnb. Il tribunale amministrativo del Lazio ha respinto, infatti, il ricorso di Airbnb sugli affitti brevi e il portale ora dovrà riscuotere la cedolare secca.

Non ci sono più alibi per chi, da quasi due anni, si prende gioco delle istituzioni”, evidenzia in una nota Federalberghi. “D’altro canto – dicono gli albergatori – non si vede quali motivi impediscano la riscossione, considerato che il portale già svolge, sia in Italia (per conto di alcuni comuni) sia all’estero, attività simili a quelle che vengono contestate, e che addirittura informa pubblicamente gli host italiani del fatto che potrebbe essere chiamata a riscuotere imposte e raccogliere dati“.

Italo Mennella
Italo Mennella

“Giustizia è fatta – afferma il presidente di Federalberghi Taormina, Italo Mennella –, accogliamo con soddisfazione questa sentenza che ristabilisce un principio di giustezza e rappresenta un segnale importante nella battaglia da tempo intrapresa da Federalberghi contro la concorrenza sleale sul mercato”.

“Secondo quanto dichiarato in giudizio da Airbnb – spiega Federalberghi le somme da versare annualmente in Italia, rapportate ai ricavi del 2016, sarebbero state pari a circa 130 milioni di euro. Considerando che nel frattempo il numero di annunci pubblicato sul portale è cresciuto a dismisura (222.787 ad agosto 2016, 397.314 ad agosto 2018), si può stimare che nei primi 18 mesi di (mancata) applicazione dell’imposta Airbnb abbia omesso il versamento di più di 250 milioni di euro”.

Il Tar, “nel dichiarare infondate le doglianze di Airbnb”, ha ricordato che gli intermediari sono “sanzionabili per le omesse o incomplete ritenute da effettuare a partire dal 12 settembre 2017 e da versare entro il 16 ottobre 2017″.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin