"Feltri e Libero infangano la Sicilia", la dura replica di Armao :ilSicilia.it

L'assessore: "Modo risibile di fare giornalismo"

“Feltri e Libero infangano la Sicilia”, la dura replica di Armao

di
23 Dicembre 2018

Dura reazione dell’assessore all’economia della Regione Siciliana, Gaetano Armano, al direttore del quotidiano Libero, Vittorio Feltri, che nell’edizione di oggi pubblica un editoriale nel quale l’Isola viene descritta come una Regione “corrotta e sciamannata”. Il fatto di cronaca che ha portato Feltri ad interessarsi alla Sicilia è il recente accordo tra lo Stato e la Regione, che in virtù dello Statuto speciale riconosce a quest’ultima 2 miliardi di euro di entrate fiscali. Per Feltri si tratterebbe dell’ennesimo regalo concesso a chi “da decenni spreca denaro a destra e a sinistra senza riuscire a svilupparsi”.

Parole che hanno infastidito molto Armao sia per la forma che per i contenuti utilizzati nell’articolo. “Quello di Feltri e di Libero – ha scritto l’assessore in un lungo post su Facebook – é un modo risibile di fare giornalismo“.

Entrando nel merito dei contenuti Armao ha ricordato il giudizio espresso alcune settimane fa dalle celebri agenzie “Moody’s e Standard&Poor’s, che hanno ribassato il rating di tante regioni, compresa la Sua (quella di Feltri, ndr), ed istituzioni finanziarie ma non quello della Sicilia per il cui risanamento finanziario hanno espresso apprezzamento. I 2 miliardi di euro che emergono dall’accordo non sono affatto una mancia, intanto perché sono direttamente correlati alle previsioni dello Statuto siciliano che é norma costituzionale, peraltro non sono un trasferimento finanziario, ma sono costituiti da minori esborsi e maggiori entrate, e peraltro si riconnettono ad onerosi impegni finanziari per la Sicilia (1 miliardo € di contributo al risanamento della finanza pubblica per il triennio, che può crescere per eccezionali esigenze”.

Infine un’ultima stoccata sullo stile adottato dal giornalista. “Caro Feltri – ha concluso Armao – quando si predilige la contumelia alla verità dei fatti, infangando la storia di una Terra, e la si rappresenta ai cittadini, si dimostra che non basta vestirsi da gentiluomini per esserlo. In Sicilia, mi creda, su questa condizione umana riteniamo di saperne qualcosa. Buon Natale anche a Lei allora, se vuole saperne di più di quel che facciamo l’attendiamo sull’Isola a braccia aperte. Potremmo fregarcene delle Sue parole, seguendo lo spirito che auspica nel Suo articolo, ma preferiamo invitarLa. Venga, cambierà agevolmente opinione, come si addice a persone intelligenti come Lei”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin