Femminicidio, Papatheu: "Il Codice Rosso non basta, servono altre misure" :ilSicilia.it
Banner Bibo

FI presenterà nuove proposte

Femminicidio, Papatheu: “Il Codice Rosso non basta, servono altre misure”

di
25 Novembre 2019

“Non è più tollerabile che in Italia ci siano 88 aggressioni al giorno contro le donne. L’ennesimo delitto, stavolta avvenuto a Partinico ai danni della povera Ana Maria, e i dati diffusi dalla Polizia di Stato sul femminicidio in Italia, decretano il fallimento di uno Stato che non protegge le donne, non punisce i carnefici, e non tutela nemmeno i bambini, vittime anche loro perché privati di tutto, senza più i genitori e spesso affidati a sconosciute famiglie che se ne fanno carico sino ai 18 anni per poi abbandonarli al loro destino”, lo afferma la senatrice Urania Papatheu, che nella giornata internazionale contro la violenza sulle donne rilancia così la necessità di rendere più efficace la lotta al femminicidio.

“A questi minori lo Stato deve riconoscere lo stesso supporto psicologico ed economico che riconosce nei casi di Mafia. Per questo il 25 novembre, come l’8 marzo, non dev’essere soltanto una data simbolica”, aggiunge la Papatheu, che nella giornata internazionale contro la violenza sulle donne rilancia così la necessità di rendere più efficace la lotta al femminicidio.

“Sapere che in Italia si compie un reato ogni 15 minuti contro una donna, ci obbliga a mettere in campo ogni opportuno strumento normativo per fermare la barbarie di omicidi, stalking, stupri e percosse. Il Codice rosso è stato un primo passo in avanti ma non è bastato: va integrato, reso più efficace e più severo. Da componente della Commissione parlamentare sul Femminicidio, ma soprattutto da donna, intendo presentare con il mio partito proposte urgenti di correttivi al Codice Rosso, a partire dall’istituzione di appositi pool di magistrati come fu per la lotta alla criminalità organizzata, aggiunge la senatrice.

il presidente del Senato, Casellati

Proprio nella giornata odierna, su iniziativa della Commissione d’Inchiesta parlamentare si è tenuto al Senato il convegno “Libere dalle molestie, libere di scegliere”, alla presenza del presidente del Senato, Maria Elisabetta Alberti Casellati, che ha confermato la sua attenzione e sensibilità sul tema e nel corso del quale sono intervenuti Valeria Valente (presidente della Commissione parlamentare di inchiesta sul Femminicidio), Urania Papatheu (componente della Commissione parlamentare sul Femmincidio), Linda Laura Sabbadini (esperta di statistica sociale), Susanna Camusso (Cgil), Marcella Panucci (Confindustria), Francesca Bagni Cipriani (consigliera nazionale di Parità). Il dibattito ha approfondito gli aspetti connessi al fenomeno delle molestie e dei ricatti sessuali sul lavoro, un’altra piaga da combattere e un’emergenza spesso caratterizzata da reati che rimangano nel sommerso.

“La violenza sulle donne – ha rilevato Papatheu – continua a nutrirsi di disuguaglianza e stereotipi, solitudine e indifferenza, analfabetismo sentimentale e delirio di possesso. Per evitare altre vittime serve uno Stato che prenda pienamente coscienza di questa mattanza e non la consideri più l’effetto di amori malati ma una vera e propria emergenza sociale, culturale e giudiziaria”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco