Ferito al gluteo con Kalashnikov :ilSicilia.it
Agrigento

È avvenuto nell'Agrigentino

Ferito al gluteo con Kalashnikov

di
24 Maggio 2017

Durante una sparatoria ieri a tarda sera a Favara (Agrigento), Carmelo Nicotra di 33 anni è stato colpito da un proiettile al gluteo.

L’uomo, che non è in pericolo di vita, è stato trovato dai carabinieri mentre camminava verso l’ospedale Consolida, dove ora si trova ricoverato. L’agguato è stato in via Torino.Dai bossoli trovati in strada sembra che sia stato utilizzato anche un kalashnikov.

Gli assalitori sarebbero arrivati a bordo di un Fiat Fiorino e sarebbe sorto un conflitto a fuoco. Carmelo Nicotra, secondo gli investigatori, sarebbe vicino a Maurizio Di Stefano, di Favara, che nello scorso mese di settembre è scampato a Liegi, rimanendo però seriamente ferito, ad un vero e proprio agguato in cui perse la vita Mario Jakelich di Porto Empedocle (Agrigento). Lo scorso ottobre a Favara venne ucciso Carmelo Ciffa, 42 anni di Porto Empedocle mentre stava tagliando una palma morta, a causa del punteruolo rosso, su una strada pubblica. Il 3 maggio scorso Rino Sorce, 51 anni di Favara, è stato ucciso vicino al suo ristorante di Liegi, il Grande Fratello.

Gli investigatori stanno rileggendo questi delitti dopo il ferimento di Nicotra per capire se ci possa essere un collegamento.

© Riproduzione Riservata
Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

La rabbia e il giro del corridoio magico

Benvenuti nel mio “corridoio magico” dal quale mi auguro uscirete cambiati grazie all’induzione e all’attivazione dell’energia inconscia che rivoluziona e riassetta i processi spontanei di autoguarigione ed evoluzione
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.