Aeroporto di Catania: rush finale per la strada di collegamento con la stazione Fontanarossa :ilSicilia.it
Catania

l'opera strategica è quasi pronta

Aeroporto di Catania: rush finale per la strada di collegamento con la stazione Fontanarossa

di
21 Febbraio 2021

In dirittura d’arrivo i lavori per il collegamento della Sac tra l’Aeroporto di Catania e la nuova ferrovia, che nei prossimi mesi garantiranno all’utenza un nuovo servizio a 700 metri dallo scalo di “Fontanarossa”. La strada che fungerà da bretella diretta tra i binari e il terminal è ormai in dirittura d’arrivo, praticamente pronta già da dicembre, e tra pochi giorni avrà luogo anche un summit tra Regione, Sac, Trenitalia, Sac e Amt per mettere a punto i dettagli della nuova fermata ferroviaria “Fontanarossa”. Si tratta, insomma, di un’opera strategica che imprimerà una svolta nella qualità dei servizi di collegamento tra le principali infrastrutture lungo le quali si muovono le persone.

“I treni all’Aeroporto di Catania sono attesi da decenni, oggi siamo al rush finale. Ho effettuato un sopralluogo alla nuova Stazione ferroviaria Fontanarossa. La strada di accesso è quasi pronta, a breve cureremo gli ultimi dettagli”, ha detto l’assessore ai Trasporti e alle Infrastrutture, Marco Falcone.

In questa fase la crisi rimane d’attualità e nel mese di gennaio il calo dei passeggeri è stato del 70% ma l’obiettivo è quello di stringere i tempi per completare, comunque, al più presto questa opera di grande rilievo, affinché non rimanga un’incompiuta e affinché, invece, possa rappresentare un valore aggiunto nell’offerta all’utenza in previsione del momento in cui il traffico aereo tornerà – come tutti si augurano – su livelli consistenti. Inevitabilmente, d’altronde, si cerca di guardare a quella che potrà essere la situazione nei prossimi mesi, in un’annata che si prospetta ancora di transizione ma nella quale comunque ci si aspetta che – specie in caso di accelerazione delle campagne vaccinali – si possa avere una ripresa già entro il secondo semestre del 2021.

“Al buon rodaggio della fermata Fontanarossa – come evidenziato da Falcone – è legato il piano di potenziamento anche sulle linee ferroviarie che attraversano la dorsale ionica, da Taormina a Giarre e sino al capoluogo etneo. Soltanto tra Taormina e Giardini Naxos – stando ai dati pre-pandemia – si muovono circa 2 milioni di turisti all’anno, ai quali si aggiunge poi il flusso “mordi e fuggi”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin