Fermo pesca nel Mediterraneo: "Ok alla flessibilità per garantire equilibri biologici" :ilSicilia.it

Il plauso dell'UGL Sicilia

Fermo pesca nel Mediterraneo: “Ok alla flessibilità per garantire equilibri biologici”

di
1 Agosto 2018

“Esprimiamo soddisfazione per l’introduzione del principio di flessibilità del fermo obbligatorio di 30 giorni per le unità autorizzate alla pesca con il sistema dello strascico. A dichiararlo Giuseppe Messina, Segretario regionale Ugl Sicilia commentando il contenuto del Decreto n.61 a firma dell’assessore regionale dell’Agricoltura, dello Sviluppo Rurale e della Pesca mediterranea, Edy Bandiera, sulla esecuzione dell’Istruzione temporanea obbligatoria dell’attività di pesca per l’anno 2018.

bandiera cartabellotta“L’assessore Bandiera, che ringraziamo per la sensibilità mostrata, ha recepito le istanze dell’Ugl – aggiunge il sindacalista – introducendo la flessibilità come strumento atto a produrre effetti favorevoli sugli equilibri biologici del mare con il rientro graduale delle imbarcazioni oggetto del fermo. Grazie alla maggiore flessibilità – precisa – determinata dalla scelta di effettuare il fermo in un periodo che va dal 1 agosto al 30 settembre, per concludersi comunque non oltre il 31 ottobre, sarà raggiunto anche l’obiettivo di ampliare la possibilità di manutenzione dei pescherecci nei cantieri presenti nelle marinerie, evitando la riduzione di offerta di pesce in un periodo di elevato interesse turistico.E’ stato un lavoro attento, sostenuto da un confronto serrato con il mondo scientifico e datoriale in seno alla Commissione Consultiva Regionale della Pesca, in particolare con Federagripesca, che ha portato a questo importante risultato per il quale il ringraziamento va anche al Direttore generale della Pesca, Dario Cartabellotta“. 

“Si può e si deve fare di più – dice il Segretario Regionale Ugl – per garantire una più efficace conservazione delle risorse ittiche, e come Ugl torniamo a chiedere al Governo Regionale di farsi carico di aprire un confronto con gli Stati europei ed extracomunitari che si affacciano nel Mediterraneo per addivenire a regole comuni per l’arresto temporanea delle attività di pesca e per la individuazione di zone comuni di ripopolamento ittico. Solo attraverso il dialogo – conclude – sarà possibile salvaguardare il Mar Mediterraneo anche dall’inquinamento e dal cambiamento climatico“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv Medical Drama: Emozioni in corsia

Di serie tv Medical Drama ( serie tv ambientate in ospedale) ne sono state realizzate moltissime; soprattutto in questi ultimi anni, alcune  hanno riscosso un tale successo che i protagonisti sono diventati i medici o gli infermieri che tutti noi vorremmo incontrare

Blog

di Renzo Botindari

E se fosse colpa del “mal bianco”?

La nostra città è come una bella pianta ammalata e piena del “mal bianco”, un grosso parassita che tarpa qualunque fioritura e che non permette ai fiori di schiudersi.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin