Ferragosto anticovid: “Niente falò in spiaggia e più controlli a Palermo e provincia” :ilSicilia.it
Palermo

la nota

Ferragosto anticovid: “Niente falò in spiaggia e più controlli a Palermo e provincia”

di
13 Agosto 2020

Scattano i controlli per il ponte ferragostano disposti dalla questura di Palermo che assumono aspetti ancor più particolari, alla luce del rischio di contagio da “covid 19”.

La Polizia di Stato ha, quindi potenziato il dispositivo di sicurezza, prevenzione e controllo del territorio, schierando consistenti numeri di unità operative e garantendo, ognuna con le sue articolazioni una significativa presenza sul territorio e un’intensa attività di prevenzione e controllo nelle vie cittadine, nelle località balneari, lungo le arterie stradali, nelle stazioni ferroviarie e presso il porto e l’aeroporto“, afferma una nota.

La questura garantirà la sicurezza nei “luoghi di balneazione cittadini e di provincia, interessando anche i commissariati distaccati, per la predisposizione di servizi di controllo del territorio, al fine di incidere efficacemente sulla prevenzione e repressione dei reati predatori, dello spaccio di sostanze stupefacenti, dell’abusivismo commerciale e di ogni altra forma di illegalità”.

Particolare attenzione sarà tra l’altro, dedicata ad impedire il tradizionale fenomeno dell’accensione di “falò” in spiaggia la notte di ferragosto e degli accampamenti. I controlli saranno intensificati, alla luce dell’ordinanza sindacale che vieta dalle 19 del 14, fino alle 7 del 15 e dalle 19 alle ore 24 del 15 agosto, “lo svolgimento di manifestazioni pubbliche e/o eventi aggregativi nonchè, nelle stesse ore, la vendita per asporto ed il consumo di bevande alcoliche e superalcoliche nonché la somministrazione di bevande di ogni genere in contenitori di vetro. Sotto la lente di ingrandimento, naturalmente, oltre che le spiagge, anche i luoghi della movida, le discoteche, i pub, i luoghi d’incontro, dove si riuniscono giovani palermitani e turisti, in vista dell’approssimarsi del ferragosto”, conclude.

LA PREFETTURA

I dati sui nuovi casi di positività registrati negli ultimi giorni anche in provincia di Palermo evidenziano l’assoluta necessità di provvedimenti più drastici.

Il piano di controlli concordato dalla Prefettura con tutte le Forze di Polizia per verificare l’osservanza delle specifiche linee guida per gli esercizi pubblici, la ristorazione, i locali da ballo e di intrattenimento che ha portato già alla sospensione dell’attività di alcuni locali e alla contestazione di numerose violazione verrà intensificato nei giorni di ferragosto con la partecipazione di tecnici del Dipartimento di Igiene dell’ASP e dei Vigili del Fuoco.

Particolare attenzione sarà riservata alla puntuale registrazione della clientela presente nei locali, utilissima nel caso si debba procedere ad individuare i contatti di eventuali positivi, al rispetto dell’indice di affollamento nelle aree di intrattenimento danzante, pari al 40% della capienza, con divieto di utilizzare spazi al chiuso. Prescrizioni che la Prefettura sta ribadendo a tutti gli organizzatori che stanno dando notizia 48 ore prima degli eventi programmati. In mancanza l’iniziativa deve essere vietata dal Sindaco.

Uno specifico dispositivo operativo è stato approntato, in occasione del Ferragosto, per prevenire e contrastare l’organizzazione di eventi anche spontanei sulle spiagge che possono generare situazioni pericolose per la sicurezza urbana e la incolumità pubblica, oltre che per la diffusione del contagio, dovute all’abuso di alcool e all’abbandono sull’arenile di bottiglie di vetro rotte che in passato hanno provocato risse, intossicazioni acute e gravi ferite.

Dopo la riunione svoltasi in Prefettura nel corso della quale sono state esaminate le linee di indirizzo, si sono tenuti incontri sul territorio tra i Sindaci, i Dirigenti dei Commissariati di PS ed i Comandanti territoriali dell’Arma, che hanno consentito di definire, in relazione alle singole situazioni, l’impiego ottimale delle forze disponibili tra le quali anche unità della protezione civile, del soccorso sanitario. La Guardia Costiera assicurerà l’impiego di proprie pattuglie sulle spiagge e a mare. Anche il Corpo Forestale regionale concorrerà con proprie risorse nelle attività di controllo.

Sono state adottate dai Sindaci ordinanze che prevedono misure di contenimento come il divieto di accesso o limitazioni all’uso delle spiagge, il divieto di falò e attendamenti sulle spiagge,  il controllo degli accessi soprattutto attraverso la creazione di isole pedonali a ridosso degli arenili con limitazioni e divieto di circolazione e di parcheggio, il divieto di vendita per asporto di superalcoolici ed alcoolici e di somministrazione di bevande in contenitori di vetro al di fuori degli esercizi pubblici.

La Prefettura raccomanda di verificare sui siti dei Comuni i contenuti e l’arco temporale di validità dei divieti, prima di intraprendere gli spostamenti.

Il Prefetto Giuseppe Forlani ha raccomandato la massima vigilanza e collaborazione tra tutti gli Enti coinvolti per un’azione congiunta che ha bisogno del senso di responsabilità e consapevolezza dei cittadini “Evitare gli assembramenti è la scelta prioritaria che deve essere fatta in questi giorni di festa, il virus circola con le persone, possiamo proteggerci mantenendo le distanze ed usando le precauzioni prescritte. I controlli saranno intensi e rigorosi nell’interesse di tutti”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.
Ieri 16:47