Ferragosto: Ecco le mostre d'arte da non perdere in Sicilia :ilSicilia.it
Catania

EVENTI A CATANIA, SIRACUSA E NOTO

Ferragosto: Ecco le mostre d’arte da non perdere in Sicilia

13 Agosto 2019

In Sicilia sarà un Ferragosto florido per gli amanti delle mostre d’arte.

A Catania, la splendida location di Palazzo Valle ospiterà la mostra “Leonardo Da Vinci – I volti di un genio“. I visitatori saranno introdotti in un viaggio alla scoperta del genio rinascimentale, attraverso installazioni audiovisive, ricostruzioni realistiche, applicazioni di realtà mista e aumentata, info-grafica, repliche dei manoscritti di Leonardo e sorprendenti applicazioni tecnologiche .

La mostra nasce su un progetto di Christian Gálvez. Il percorso espositivo è suddiviso in cinque aree tematiche: “Il Rinascimento di Leonardo”, “Un’eredita universale”, “L’ultima cena”, “Lo specchio dell’anima”, “Leonardo da Vinci: faccia a faccia”.

NotoIl Convitto delle arti di Noto ospiterà la mostra “L’Impossibile è Noto“, evento artistico che potrà contare su un novero di cento opere provenienti da Fondazioni, Archivi e importanti collezioni private.  Il Futurismo, il Cubismo, la Metafisica, Dada e il Surrealismo si incontrano nella mostra a cura di Giancarlo Carpi e Giuseppe Stagnitta, prodotta da Sicilia Musei, in cui vengono esposti i principali artisti di questi movimenti che  sperimentarono sempre, andando alla ricerca dell’inaudito e di quanto fino ad allora era stato ritenuto “impossibile” nell’arte.

Il percorso espositivo si articola in 10 tappe: l’invenzione del movimento nella foto- grafia e nella pittura, Futurismo e Cubismo, Metafisica e Dada tra Europa e Italia, Surrealismo, il Futurismo negli anni trenta; tra volo-sogno e cosmo, Astrattismo e Astrattismo lirico, Mirò e Depero, l’Astrattismo e la materia, Dalì-stravaganze, focus sul futuro.

A Siracusa, all’interno del Palazzo della Soprintendenza, verrà esposta la “Crocifissione di Sant’Andrea” di Michelangelo Merisi da Caravaggio, collezione Spier Londra (già collezione Back Vega). La mostra è curata da Pierluigi Carofano e Nicola Barbatelli ed è una vera e propria “Caravaggio experience”  che vede al centro l’opera madre dell’evento, la cui proprietà è di un fondo privato e che  è stata esposta al museo di Cleveland nel 2017 in occasione del restauro dell’altra versione della “Crocifissione di Sant’Andrea” di proprietà del museo americano.

Infine, l’ex Convento di S. Francesco d’Assisi di Siracusa ospita “Ciclopica“. La mostra, a cura di Vincenzo Sanfo, offre una grande panoramica sul concetto di scultura attraverso un viaggio temporale di quasi due secoli, dalla fine dell’800 ai giorni nostri. Il percorso espositivo prende il via con tre esempi che racchiudono le linee guida di “Ciclopica”: una testa di Buddha in pietra del XVI secolo proveniente dalla Cina, una scultura ellenistica e un gruppo di antiche sculture africane utilizzate come maschere rituali.

Nelle sale dell’evento non saranno esposte solo opere di marmo e bronzo, ma troveranno spazio capolavori realizzati con materiali inconsueti, come la carta, la terracotta, il poliuretano, la plastica e la vetroresina, a significare la ricchezza dell’ispirazione artistica dell’arte contemporanea e le innumerevoli possibilità che oggi sono offerte agli artisti del nostro tempo. La mostra è aperta tutti i giorni dalle 10 alle 20.

Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Blog
di Renzo Botindari

Ci Vogliono Occhi Verdi

Ho avuto da sempre la convinzione che se non si amministra garantendo un minimo di dignità ad ognuno, non si riuscirà mai ad auspicarsi una crescita, ma la garanzia del minimo insieme alla libera competizione dei capaci si ottiene soltanto attraverso un governare “deideologizzato”.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.