Ferragosto: Ecco le mostre d'arte da non perdere in Sicilia :ilSicilia.it
Catania

EVENTI A CATANIA, SIRACUSA E NOTO

Ferragosto: Ecco le mostre d’arte da non perdere in Sicilia

di
13 Agosto 2019

In Sicilia sarà un Ferragosto florido per gli amanti delle mostre d’arte.

A Catania, la splendida location di Palazzo Valle ospiterà la mostra “Leonardo Da Vinci – I volti di un genio“. I visitatori saranno introdotti in un viaggio alla scoperta del genio rinascimentale, attraverso installazioni audiovisive, ricostruzioni realistiche, applicazioni di realtà mista e aumentata, info-grafica, repliche dei manoscritti di Leonardo e sorprendenti applicazioni tecnologiche .

La mostra nasce su un progetto di Christian Gálvez. Il percorso espositivo è suddiviso in cinque aree tematiche: “Il Rinascimento di Leonardo”, “Un’eredita universale”, “L’ultima cena”, “Lo specchio dell’anima”, “Leonardo da Vinci: faccia a faccia”.

NotoIl Convitto delle arti di Noto ospiterà la mostra “L’Impossibile è Noto“, evento artistico che potrà contare su un novero di cento opere provenienti da Fondazioni, Archivi e importanti collezioni private.  Il Futurismo, il Cubismo, la Metafisica, Dada e il Surrealismo si incontrano nella mostra a cura di Giancarlo Carpi e Giuseppe Stagnitta, prodotta da Sicilia Musei, in cui vengono esposti i principali artisti di questi movimenti che  sperimentarono sempre, andando alla ricerca dell’inaudito e di quanto fino ad allora era stato ritenuto “impossibile” nell’arte.

Il percorso espositivo si articola in 10 tappe: l’invenzione del movimento nella foto- grafia e nella pittura, Futurismo e Cubismo, Metafisica e Dada tra Europa e Italia, Surrealismo, il Futurismo negli anni trenta; tra volo-sogno e cosmo, Astrattismo e Astrattismo lirico, Mirò e Depero, l’Astrattismo e la materia, Dalì-stravaganze, focus sul futuro.

A Siracusa, all’interno del Palazzo della Soprintendenza, verrà esposta la “Crocifissione di Sant’Andrea” di Michelangelo Merisi da Caravaggio, collezione Spier Londra (già collezione Back Vega). La mostra è curata da Pierluigi Carofano e Nicola Barbatelli ed è una vera e propria “Caravaggio experience”  che vede al centro l’opera madre dell’evento, la cui proprietà è di un fondo privato e che  è stata esposta al museo di Cleveland nel 2017 in occasione del restauro dell’altra versione della “Crocifissione di Sant’Andrea” di proprietà del museo americano.

Infine, l’ex Convento di S. Francesco d’Assisi di Siracusa ospita “Ciclopica“. La mostra, a cura di Vincenzo Sanfo, offre una grande panoramica sul concetto di scultura attraverso un viaggio temporale di quasi due secoli, dalla fine dell’800 ai giorni nostri. Il percorso espositivo prende il via con tre esempi che racchiudono le linee guida di “Ciclopica”: una testa di Buddha in pietra del XVI secolo proveniente dalla Cina, una scultura ellenistica e un gruppo di antiche sculture africane utilizzate come maschere rituali.

Nelle sale dell’evento non saranno esposte solo opere di marmo e bronzo, ma troveranno spazio capolavori realizzati con materiali inconsueti, come la carta, la terracotta, il poliuretano, la plastica e la vetroresina, a significare la ricchezza dell’ispirazione artistica dell’arte contemporanea e le innumerevoli possibilità che oggi sono offerte agli artisti del nostro tempo. La mostra è aperta tutti i giorni dalle 10 alle 20.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.