Ferrandelli: "Tav Catania-Palermo? Di Maio, basta minchiate" :ilSicilia.it
Palermo

"Non cadiamo nella facile propaganda"

Ferrandelli: “Tav Catania-Palermo? Di Maio, basta minchiate”

4 Febbraio 2019

Basta minchiate! Accettiamo e rispettiamo il voto di tanti siciliani che stanchi della vecchia politica hanno dato fiducia ai 5 stelle, ma a tutto c’è un limite! Il Sud necessità investimenti e infrastrutture, ma è stanco della propaganda sterile e fine a sé stessa”. Fabrizio Ferrandelli, esponente di +Europa risponde al ministro Di Maio sull’annuncio di realizzazione della Tav tra Catania e Palermo.

ferrandelli + europa“Già andrebbe bene il doppio binario, la continuità territoriale, un piano straordinario per ammodernamenti della viabilità stradale nelle varie province, lì dove un viadotto crollato da più di tre anni interrompe l’autostrada per Catania o dove il corleonese o l’agrigentino restano isolati appena piove.

Non cadiamo nella facile propaganda a ridosso di competizioni importanti – conclude Ferrandelli – ma si discuta di un vero piano trasporti al Sud, guardando ad esempio alla sfida della creazione dell’area di libero scambio afro-mediteraneo”.

 

LEGGI ANCHE:

L’annuncio di Di Maio: “Faremo la Tav Catania-Palermo”

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Magistratura e politica

Dal blog "Segreti e non misteri", Alberto Di Pisa riflette sul difficile rapporto fra magistratura e politica, in uno sistema di diritto come quello italiano.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.