Ferrovia Alcantara-Randazzo: i sindaci del Parco Fluviale vogliono la riapertura :ilSicilia.it
Catania

chiesta la riattivazione all’esercizio commerciale

Ferrovia Alcantara-Randazzo: i sindaci del Parco Fluviale vogliono la riapertura

di
3 Dicembre 2018

I sindaci del Consiglio del Parco Fluviale dell’Alcantara vogliono il ripristino della ferrovia Alcantara-Randazzo. A rendere nota la svolta all’orizzonte per la storica tratta è in una nota l’Associazione Ferrovie Siciliane che parla di “vittoria della battaglia” con “tutti i sindaci che chiedono la riapertura come linea commerciale”.

Il Consiglio dell’Ente Parco Fluviale dell’Alcantara scrive il presidente dell’Associazione Ferrovie Siciliane, Giovanni Russo – nella seduta straordinaria e urgente del 30 novembre scorso, alla presenza di tutti i sindaci della valle, ha sottoscritto un documento per la riapertura all’esercizio commerciale della ferrovia Alcantara-Randazzo. E’ una chiara dimostrazione politica che dovrebbe far riflettere sull’inserimento della linea nella Legge 128/2017 sulle ferrovie turistiche. Un gravissimo errore, a nostro parere, perché non si è tenuto conto delle vere necessità dei territori. Durante la riunione i presenti si sono schierati nettamente a favore della posizione da noi sostenuta manifestando vivo interesse per il ripristino delle linea all’esercizio viaggiatori”.

“A seguito di questa deliberazione – prosegue Russo -, i vertici dell’Ente Parco dovranno chiedere alla Regione Siciliana di intraprendere ogni attività necessaria nei confronti di Rete Ferroviaria Italiana, anche per ciò che riguarda l’interconnessione della ferrovia con la futura linea a doppio binario Messina-Catania: una conferma del recepimento delle indicazioni tecniche da noi fornite nell’incontro svolto al Parco il 12 ottobre 2018. Un intervento infrastrutturale a bassissimo costo che consentirà non soltanto il ripristino della stessa Alcantara-Randazzo ma anche il mantenimento dell’attuale linea ferroviaria tra Letojanni e Alcantara, ivi inclusa la stazione di Taormina-Giardini. La ferrovia finalmente viene concepita come moderno ed ecocompatibile sistema di trasporto pubblico di massa, nell’ambito di un territorio di straordinaria valenza ambientale. Per anni abbiamo perorato questa causa e ciò prefigura il primo vero ripristino ferroviario in Sicilia, regione finalmente in linea con le scelte coraggiose di chi ha preferito l’ecologico trasporto su ferro all’inquinante trasporto su gomma, in val Venosta come nel cuneese, riscuotendo un indiscutibile successo”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin