Ferrovie. "Finanziato il raddoppio Giampilieri-Fiumefreddo: pronti 2,4 miliardi di euro" | VIDEO :ilSicilia.it
Messina

Intervista al sindaco di Taormina

Ferrovie. “Finanziato il raddoppio Giampilieri-Fiumefreddo: pronti 2,4 miliardi di euro” | VIDEO

di
7 Maggio 2018

 

MESSINA. “La maxi-opera che prevede il raddoppio della linea ferroviaria Giampilieri-Fiumefreddo, che prevede anche le due nuove stazioni a Taormina, sta iniziando a diventare realtà. L’opera è già stata finanziata e già il prossimo anno dovrebbero essere aperti i cantieri”. Lo annuncia il sindaco di Taormina, Eligio Giardina, che ha preso parte a Roma ad una riunione presso il Consiglio Superiore dei Lavori pubblici, con i tecnici di Rfi e Italferr.

“Nelle scorse ore – spiega Giardina – ho partecipato ad una riunione con i tecnici di Rfi, che hanno illustrato la nuova tratta di ferrovia che va da Giampilieri a Fiumefreddo, inerente cioè il raddoppio del binario e le relative stazioni che verranno previste e realizzate. L’iter è ormai arrivato alla fase finale. La seduta tecnica svoltasi presso il Consiglio Superiore dei Lavori pubblici a Roma ha impresso un’ulteriore accelerazione al progetto”.

giampilieri-fiumefreddo
Rendering del raddoppio Giampilieri-Fiumefreddo

Il 25 maggiocontinua Giardina – ci sarà un’altra riunione nella quale si arriverà al parere vincolante del Consiglio Superiore dei Lavori pubblici. Poi si potrà andare ad indire il bando di gara, con la possibilità nell’arco di un anno di determinare due lotti di appalto, uno che concerne il raddoppio della linea ferroviaria da Taormina a Fiumefreddo, e l’altro invece da Taormina a Giampilieri”.

“Partendo da Giampilieri – ha spiegato il sindaco – sono previste nello specifico la stazione di Itala-Alì, quella di S.Alessio-Santa Teresa di Riva, quella di Letojanni, quindi la stazione Taormina-Madonnina e la stazione Alcantara-Taormina Sud-Giardini Naxos, in contrada Arancio (a Trappitello), e inoltre quella di Fiumefreddo. La stazione principale sarà la “Taormina-Madonnina”, con opportunità di percorrenza e fermata anche per i treni ad alta velocità che raggiungeranno i 250 km orari, e su mia richiesta verrà previsto il collegamento verticale con dei moderni metodi meccanici tra la stazione ferroviaria di arrivo del piazzale Madonnina ed il parcheggio Lumbi. Avremo cioè degli ascensori che in 4 minuti collegheranno in via diretta la stazione e il posteggio nord di Taormina ed il centro della città”.

“E’ uno dei più importanti finanziamenti ottenuti da tanti anni a questa parte dalla Sicilia e dal Mezzogiornoafferma il primo cittadino di Taormina -, visto che si tratta di 2.400 milioni di euro, suddivisi in 880 milioni nel primo lotto di gara e 1.300 milioni nel secondo lotto. Siamo di fronte ad un’opera di eccezionale importanza che cambierà la storia della viabilità, dei trasporti e dell’economia del nostro territorio”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.