Ferrovie, interruzione sulla Palermo-Messina: scatta l'interrogazione al ministro Toninelli :ilSicilia.it

Manutenzione a Gioiosa Marea e Patti

Ferrovie, interruzione sulla Palermo-Messina: scatta l’interrogazione al ministro Toninelli

24 Luglio 2019

Oggi è stato depositata presso la Camera dei Deputati un’interrogazione a risposta scritta dell’on. Matilde Siracusano, del Gruppo parlamentare di Forza Italia, insieme ai colleghi Germanà, Prestigiacomo, Bartolozzi, Scoma, Minardo e Russo, indirizzata al Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, in merito ai disagi arrecati ai cittadini dal 10 luglio all’8 settembre prossimo, circa la circolazione ferroviaria tra le stazioni di Gioiosa Marea e Patti, sulla linea Messina-Palermo, interrotta per lavori di manutenzione straordinaria.

Matilde Siracusano
Matilde Siracusano

“Preciso che i lavori citati interessano 98 km di tratta ferroviaria e sono funzionali per la manutenzione di binari e incroci, di stazioni e gallerie, anche se si sta causando un blocco dei treni per l’intero periodo estivo. Risulta evidente come i lavori di ammodernamento compromettano il lato economico, commerciale e turistico del territorio di Patti, Tindari, Isole Eolie, Villa Romana ed altre attrazioni turistico-ricettive come Gioiosa Marea, Brolo, Capo D’Orlando, Sant’Agata di Militello”. A riferirlo è la stessa deputata a Montecitorio.

“A tale proposito – conclude la Parlamentare – ho chiesto al Ministro Toninelli se sia a conoscenza di questo disagio, se abbia magari fatto una valutazione di merito e se non ritenga opportuno posticipare i lavori di manutenzione straordinaria tra le stazioni di Gioiosa Marea e Patti, sulla linea Palermo-Messina, nel periodo autunnale o invernale, al fine di non compromettere l’attività a vocazione prettamente turistica del territorio interessato dalla chiusura della circolazione ferroviaria”.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona