17 febbraio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 18.38
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
caronte manchette sx e dx dal 28/08 a fine contratto 17/11
Palermo

Evento organizzato da "Fiori di Acciaio"

Ferzan Özpetek a Palermo per parlare di inclusione sociale | Video servizio e intervista

6 aprile 2018

GUARDA IN ALTO IL VIDEO SERVIZIO CON L’INTERVISTA –

La cultura italiana parte dal Sud“. Ne è profondamente convinto Ferzan Özpetek che, dopo più di dieci anni, è ritornato a Palermo ospite d’onore dell’associazione culturale Fiori di Acciaio, presieduta da Marcella Cannariato Dragotto che, in sinergia con l’Università di Palermo e con il patrocinio di Gesap e Comune di Palermo, ha voluto regalare alla città un momento di riflessione su alcuni temi che stanno molto a cuore al regista, da sempre molto apprezzato da pubblico e critica.

Giovedì 5 aprile allo Steri si è svolto il primo incontro con la città: ad accogliere il regista il Rettore Fabrizio Micari, che tra l’altro nei prossimi mesi conferirà una laurea Honoris Causa ad Ozpetek, il sindaco Orlando, il presidente di Gesap Fabio Giambrone e don Enzo Volpe, riuniti insieme per un confronto su inclusione sociale e ‘i nuovi poveri’, in un momento in cui un italiano su cinque è a rischio povertà e il nostro Paese, secondo Eurostat, ha il maggior numero di poveri in tutta Europa.

Venerdì 6 aprile, dalle 10, presso l’Aula Magna della Presidenza della Scuola delle Scienze Umane e del Patrimonio Culturale dell’ateneo palermitano, il regista ha dialogato con gli studenti, attraverso una lezione dal titolo “Ferzan Özpetek: un regista ‘a cuore aperto‘”. Presenti, oltre al Rettore e al Sindaco, il Presidente della Scuola delle Scienze Umane e del Patrimonio Culturale Girolamo Cusimano ed il direttore del Centro Sperimentale di Cinematografia Ivan Scinardo. L’incontro è stato moderato dalla giornalista Giulia Noera.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Non sono mai Bianche

Chi sa quante volte era ritornato su quel posto con la mente. Ci tornava costantemente rivivendo la stessa mattinata, sempre la stessa, per cercare dove quella volta aveva sbagliato. Aveva poco più che trenta anni e lavorava da sempre.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Figlio inferiore e padre superiore

Le paturnie e i pensieri ossessivi sono alimentati dagli oggetti interiorizzati, dalla rappresentazione interna dei genitori, in questo caso, specialmente, del padre, idealizzato come uomo superiore, contro lui che è, invece, l’uomo inferiore.