24 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.32
Palermo

Evento organizzato da "Fiori di Acciaio"

Ferzan Özpetek a Palermo per parlare di inclusione sociale | Video servizio e intervista

6 Aprile 2018

GUARDA IN ALTO IL VIDEO SERVIZIO CON L’INTERVISTA –

La cultura italiana parte dal Sud“. Ne è profondamente convinto Ferzan Özpetek che, dopo più di dieci anni, è ritornato a Palermo ospite d’onore dell’associazione culturale Fiori di Acciaio, presieduta da Marcella Cannariato Dragotto che, in sinergia con l’Università di Palermo e con il patrocinio di Gesap e Comune di Palermo, ha voluto regalare alla città un momento di riflessione su alcuni temi che stanno molto a cuore al regista, da sempre molto apprezzato da pubblico e critica.

Giovedì 5 aprile allo Steri si è svolto il primo incontro con la città: ad accogliere il regista il Rettore Fabrizio Micari, che tra l’altro nei prossimi mesi conferirà una laurea Honoris Causa ad Ozpetek, il sindaco Orlando, il presidente di Gesap Fabio Giambrone e don Enzo Volpe, riuniti insieme per un confronto su inclusione sociale e ‘i nuovi poveri’, in un momento in cui un italiano su cinque è a rischio povertà e il nostro Paese, secondo Eurostat, ha il maggior numero di poveri in tutta Europa.

Venerdì 6 aprile, dalle 10, presso l’Aula Magna della Presidenza della Scuola delle Scienze Umane e del Patrimonio Culturale dell’ateneo palermitano, il regista ha dialogato con gli studenti, attraverso una lezione dal titolo “Ferzan Özpetek: un regista ‘a cuore aperto‘”. Presenti, oltre al Rettore e al Sindaco, il Presidente della Scuola delle Scienze Umane e del Patrimonio Culturale Girolamo Cusimano ed il direttore del Centro Sperimentale di Cinematografia Ivan Scinardo. L’incontro è stato moderato dalla giornalista Giulia Noera.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.