Festa dei Morti, la tradizione siciliana: dalla pupa ri zuccaru ai regali per i bambini :ilSicilia.it

il ricordo dei nostri cari

Festa dei Morti, la tradizione siciliana: dalla pupa ri zuccaru ai regali per i bambini

di
2 Novembre 2021

Nella nostra Isola, in un periodo in cui molte tradizioni stanno venendo sempre meno, la Festa dei Morti è ancora fortemente sentita sia da grandi che da piccini. La tradizione vuole che la notte tra l’1 e il 2 novembre i defunti vadano a trovare i propri cari ancora in vita carichi di doni. Coloro che però attendono in trepidante attesa questa festa sono proprio i bambini, perché è a loro che vengono portati i doni e sono loro che la sera dell’uno novembre vanno a letto felici del regalo che troveranno la mattina seguente.

Dal X secolo la Chiesa celebra questa importante ricorrenza, come simbolo d’amore dei nostri defunti verso noi viventi. La chiamano Festa, perché è attesa e speranza, ricordo e memoria di persone a noi care. Anticamente, si recitava la sera prima del 2 novembre una filastrocca che faceva così: Armi santi, armi santi, Io sugnu unu e vuatri sisi tanti, Mentre sugnu ‘ntra stu munnu di guai, Cosi di morti mittitiminni assai. É con questa filastrocca che si invitavano i defunti a lasciare dei doni quando ci venivano a trovare.

Un tempo ciò che si portava ai bambini era oggetti utili come vestiti o scarpe, mentre oggi si prediligono i giocattoli. Così la mattina del 2 novembre, i bambini, al loro risveglio trovano una grande quantità di regali: partendo dalla “pupa ri zuccaru”, una vera e propria scultura interamente fatta di zucchero, passando ai dolciumi vari e finendo con i loro giocattoli preferiti.

Ma ciò che veramente è importante e tradizione fare in questa giornata così speciale è quella di andare al cimitero a trovare i propri cari, portando loro dei fiori, una preghiera e una richiesta di protezione dall’alto.

Oltre a questo è tipico preparare “u cannistru”, un cesto colmo di svariati biscotti, frutta secca, frutta di martorana, cioccolatini e l’iconica pupa ri zuccaru. Come biscotti si preparano “i crozzi ri morti” le ossa dei morti o i pupatelli ripieni di mandorle tostate, poi ci sono i taralli con la loro golosissima glassa con lo zucchero e infine i tetù colorati ricoperti con glassa. In alcune parti della Sicilia, la mattina del 2 novembre, c’è una sola colazione possibile, ovvero quella con la “muffoletta”, una pagnottella di pane caldo condita con olio, sale, pepe, origano, acciuga e formaggio.

Obiettivo di questa tradizione è quella di far sì che nei bambini sia sempre caro il ricordo e l’affetto per chi non c’è più, e anche se può sembrare una festa alquanto triste  in realtà si tratta di un ulteriore momento in cui ci si abbandona al ricordo, alla tenerezza e alla gioia, insomma ad un momento da condividere con i propri cari.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.