Festa della Musica: l'Orchestra Sinfonica Siciliana celebra con un matineè :ilSicilia.it
Palermo

Al Politeama domani 21 giugno

Festa della Musica: l’Orchestra Sinfonica Siciliana celebra con un matineè

di
20 Giugno 2020

Un matineé per onorare la Festa della Musica. La Sinfonica siciliana conclude domani mattina, 21 giugno, alle 11, al Politeama, il ciclo di concerti “Sinfonica in sicurezza”.

Con la Sinfonia n.5 in si bemolle maggiore D. 485 di Franz Schubert e la Sinfonia n.1 in do maggiore op.21 di Ludwing van Beethoven, l’Orchestra è ritornata in teatro; primo violino e maestro di concerto Lorenzo Rovati.

Giovedì scorso, in occasione della prima serata, successo inatteso di pubblico nei 178 posti resi disponibili dalle norme di distanziamento interpersonale. Serata alla quale, insieme al presidente del Cda Maria Elena Volpes e al sovrintendente Antonino Marcellino, hanno partecipato il vicepresidente Marco Intravaia, i consiglieri Giulio Pirrotta ed Enrico Sanseverino, la rappresentate dei lavoratori, Sonia Giacalone, impegnata nell’esecuzione musicale. Presenti anche il vicepresidente della Regione Gaetano Armao, accompagnato dalla giovanissima figlia, il prefetto di Palermo Giuseppe Forlani, il comandante regionale della Guardia di Finanza, Colonnello Riccardo Rapanotti.

Un evento importante la Festa della Musica, istituzionalizzata dal MiBACT, e istituita in coincidenza del solstizio d’estate, giorno simbolico di vittoria della speranza sulle angosce. Una ricorrenza internazionale che trova nel Politeama, in ragione dell’etimo stesso della parola, derivante dal greco “theaomai”, guardare meravigliandosi, il suo habitat naturale.

La musica avvolgente di queste sere – ha detto il presidente Volpes – che ha inondato la volta del Politeama ci conferma la bontà delle scelte compiute nei mesi scorsi. I musicisti erano pronti al ritorno al teatro, non appena le condizioni legislative lo hanno reso possibile, perché hanno continuato a lavorare con il consueto impegno ed entusiasmo durante i mesi del lockdown. Abbiamo deciso di celebrare la Festa della Musica con un matineé che richiede una certa dose di coraggio, ma sono certa che il pubblico palermitano non ci deluderà”.

L’impegno, il coraggio, la determinazione che hanno portato il primo spettacolo dal vivo a Palermo all’interno del Politeama sono stati svelati dalla commozione che ha “tradito” Marcellino nella serata d’inizio, con una sorpresa “filologica” per il pubblico, cioè l’assenza del direttore d’orchestra , come era in uso  ancora fra la fine del Settecento e l’inizio dell’Ottocento.

La nostra – ha spiegato Marcellino – è una scelta stilistica consapevole, un omaggio all’Orchestra e alle inquietudini e alle paure rispetto al futuro che i musicisti hanno vissuto in questi mesi così difficili. Nel Settecento e fino ai primi dell’Ottocento, non c’era la figura del direttore d’Orchestra. Il primo violino, oggi come allora punto di riferimento per tutti i professori d’orchestra, era maestro d’orchestra. Questo concerto ha una grande valenza simbolica, di abbraccio virtuale a tutta la Sicilia. Dal prossimo, il direttore d’orchestra tornerà al suo posto”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.