Festa dell'Immacolata in Sicilia: la tradizione tra cibo, famiglia e regali :ilSicilia.it

L'inizio del periodo natalizio

Festa dell’Immacolata in Sicilia: la tradizione tra cibo, famiglia e regali

di
8 Dicembre 2021

Il mese di Dicembre nasconde in sè un’aria magica di affetto, ricordi, convivialità, tradizioni e devozione. Si perché non bisogna dimenticare che oltre ad essere un mese in cui ci si prepara alle grandi abbuffate, allo scambio di regali e alle giocate a tombola con i nonni, questo è soprattutto un momento religioso. Ed è proprio con la festa dell’8 Dicembre, giorno dell‘Immacolata Concezione, che si dà l’avvio a questo periodo festivo che terminerà con l’arrivo dell’Epifania.

Perno centrale di queste feste resta comunque il tempo trascorso con la propria famiglia, con cui tradizionalmente durante questa prima festività, ci si dedica ad addobbare l’albero di Natale, a preparare il Presepe e a fare acquisti per i regali da mettere sotto l’albero nei mercatini di Natale.

Importante è anche il cibo, la tavola, la convivialità del momento e come tutti sappiamo, in Sicilia non c’è festa se non c’è cibo in abbondanza.

I preparativi hanno inizio giorni prima, con l’odore dei dolci che invade tutta la casa e le vie della città. Sedersi a tavola durante le feste diventa quasi un gesto di coraggio, perché sappiamo apriori che ci alzeremo con qualche chilo in più.

Sfincione palermitano
Sfincione palermitano

Una pietanza di cui non si fa quasi mai a meno a Palermo è lo sfincione, un piatto povero e semplice, ma che racchiude in sè un gusto favoloso. Si tratta di una rivisitazione del solito pane che si porta sulle tavole con qualcosa di diverso, viene infatti arricchito con acciughe, pomodoro, cipolla e caciocavallo che gli conferiscono questo suo sapore inconfondibile.

u scacciu

Poi ci sono le verdure in pastella, altra prelibatezza tipica di queste festività, come i cardi, i carciofi e i broccoli che con la loro croccantezza stuzzicano l’appetito. Si passa poi a uno dei secondi piatti per eccellenza, il baccalà fritto o “chi passuli”. Il pasto si conclude con i dolci tipici: buccellati, sfince e mustazzoli. 

Tra un pasto e l’altro si continua a stare seduti giocando a carte o a tombola, e tra una partita e l’altra non si smette di mangiare, ma si sgranocchia “u scaccio“, un misto di frutta secca.

Insomma una cosa è certa, in Sicilia dove c’è festa c’è famiglia e dove c’è famiglia, c’è cibo.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Anno nuovo, tante novità in arrivo

Con l'arrivo del 2022, le varie piattaforme streaming hanno annunciato molte novità  che riguardano sia nuove stagioni di serie già andate in onda, sia diverse interessanti nuove serie.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin