Festa di compleanno finisce nel sangue: accoltella alla gola 14enne invitato :ilSicilia.it
Catania

Abuso di droga e alcol, 40 punti sutura

Festa di compleanno finisce nel sangue: accoltella alla gola 14enne invitato

4 Marzo 2019

Durante la sua festa di compleanno, sembra a base di alcolici e stupefacenti, ieri sera a Vizzini (CT) un ventenne ha sferrato un colpo di coltello al collo di uno dei suoi invitati, un ragazzo di 14 anni, procurandogli una ferita di 15 centimetri. La vittima se l’è cavata con 40 punti di sutura. L’aggressore, Samuele Monterosso, è stato arrestato dopo la fuga, nei pressi dell’abitazione di un conoscente. Il ventenne ha preso un coltello dalla cucina, ha afferrato l’ospite per i capelli e l’ha colpito.

Il ventenne, ricostruiscono i carabinieri, ieri sera ha invitato a casa la ristretta cerchia di amici, tra i quali il 14enne, per festeggiare il ventesimo compleanno. Festeggiato e invitati sembra abbiano abusato di sostanze stupefacenti ed alcoliche fino a perdere ogni freno inibitore facendosi prendere così da una eccessiva euforia.

Circostanza che, spiegano i carabinieri, ad un certo punto della serata ha visto il padrone di casa alzarsi di scatto, recarsi in cucina per prendere un coltello, tornare indietro e, pronunciando frasi deliranti, afferrare per i capelli il minorenne e infliggergli un taglio al collo da parte a parte per poi fuggire via. La provvidenziale telefonata fatta ai militari dell’Arma da uno degli esterrefatti invitati, ha consentito l’intervento sul posto di una ambulanza del 118 che ha soccorso e trasportato la vittima all’Ospedale di Lentini (Siracusa), dove i medici hanno dovuto richiudere la ferita. La prognosi dei medici nei suoi confronti è di 30 giorni, senza complicazioni.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“C’è un Uomo Solo al Comando”

Atteso quanto diceva il buon Bracardi quando asseriva che “l’uomo è una bestia”, nella sua bestialità questi sbaglia sempre allo stesso modo, pertanto, la memoria non deve essere soltanto rancorosa, ma deve servire per capire e andare avanti per non commettere gli stessi errori. Il perdono è un'altra cosa.