Festa di Sant'Antonio Abate a Santo Stefano Medio [Il programma] :ilSicilia.it
Messina

Il 26 e 27 gennaio

Festa di Sant’Antonio Abate a Santo Stefano Medio [Il programma]

di
23 Gennaio 2019

Cari Watson, la vostra Patti Holmes vi accompagna il 26 e 27 gennaio a Santo Stefano Medio, caratteristico villaggio messinese situato alle pendici dei monti Peloritani e diviso in due parti dal torrente Santo Stefano, per i festeggiamenti in onore di Sant’Antonio Abate e la XIV Edizione della Sagra a lui dedicata.

Pillole su Santo Stefano Medio

  • Il villaggio prenderebbe il nome da un abate basiliano, tale Stephanus, che era il priore della prima chiesa costruita in contrada “Bruca”.
  • Gli aggettivi Medio e Mezzano (i cui corrispettivi latini medius e medianus si traducono con “frapposto, situato a metà strada” ) fanno riferimento alla collocazione geografica del paese, incastonato tra Santo Stefano di Briga e Santa Margherita.
  • Per un certo periodo di tempo, il villaggio fu chiamato Santa Maria dei Giardini.
  • La sua origine è stimata attorno al XII secolo, quando i monaci basiliani costruirono una chiesa dedicandola a Santa Maria e a San Costantino. Il sacerdote officiante indovinate come si chiamava? Stephanus e il casale prese il suo nome.
  • Agli inizi del XV secolo un’inondazione distrusse il villaggio e anche la chiesa basiliana che fu ricostruita al centro del paese e intitolata a Santa Maria dei Giardini, mutando anche il nome del villaggio che si chiamò come la sua santa protettrice. Nello stesso periodo fu introdotta la coltivazione del gelso indispensabile per l’allevamento del baco da seta che permise lo sviluppo di una fiorente attività artigianale che raggiunse il suo culmine nel XVI secolo.
  • Con la Rivolta antispagnola di Messina del 1674-78, anche il territorio di Santo Stefano Medio, com’era già toccato agli altri casali, venne confiscato e messo all’asta, divenendo proprietà di alcuni signorotti locali che, incrementando la coltivazione degli agrumi, determinarono una profonda crisi dell’attività serica che, sebbene non sparita del tutto, continuò stentatamente sino agli anni quaranta del XX secolo, quando cessò per la forte concorrenza delle fibre sintetiche.
  • Da visitare: la meravigliosa Chiesa Madre dedicata a Santa Maria dei Giardini con una facciata barocca che lascia senza fiato; i ruderi del castello detto “dei Saraceni” e, alle spalle, lungo la collina, il borgo dove fra “bagghi” e “curtigghi” si svolgeva la vita all’ombra rassicurante del maniero.
santo-stefano-medio

Festa di Sant’Antonio Abate
Una manifestazione molto sentita che ha i suoi momenti più suggestivi nell’accensione e benedizione de “u focu di Sant’Antonio”; Canti e balli tradizionali de “I Carbunari di Saponara”; Degustazione di prodotti tipici: maccheroni al sugo di maiale, panini con porchetta, panini con salsiccia, dolci tipici e vino locale; Benedizione degli animali; Processione del secolare Simulacro per le del paese che si conclude al calar della sera e, subito dopo, la pantomima de “U camiddu e l’omu sabbaggiu” che richiama una moltitudine di curiosi, meravigliata dagli straordinari effetti luminosi e acustici. I festeggiamenti si concludono con lo spettacolo dei giochi pirotecnici. Un appuntamento imperdibile per un fine settimana davvero indimenticabile.

 

PROGRAMMA

Sabato 26 gennaio

Alle 18

Celebrazione Eucaristica presieduta da p. Giuseppe Giunti, parroco delle parrocchie di Massa San Giovanni, Massa S. Lucia e Massa S. Giorgio con la partecipazione delle comunità delle Masse e con la partecipazione dei portatori. Preghiera dei portatori.

Alle 19

Accensione e Benedizione del fuoco – breve processione con il simulacro di Sant’Antonio Abate.

Alle 20

XIV Sagra di Sant’Antonio

Domenica 27 gennaio

Alle 10

Benedizione degli animali nel torrente (pressi grande falò)

Alle 11

Celebrazione Eucaristica presieduta da padre Pino Grillo

Alle 20 – Piazza Santa Maria dei Giardini)

Pantomima “U Camiddu e l’Omu sabbaggiu”

Spettacolo pirotecnico

Fino a domenica 27 gennaio: mostra dei ricami e pesca di beneficenza nel saloncino sopra la Sacrestia.

Viva Sant’Antonio Abate.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.