Festa in discoteca a Messina, l'ira di De Luca: "Non era il momento, farò denuncia" :ilSicilia.it
Messina

il sindaco contro gli organizzatori

Festa in discoteca a Messina, l’ira di De Luca: “Non era il momento, farò denuncia”

di
7 Marzo 2020

“Stanotte si è festeggiato in una nota discoteca di Messina. Ho disposto già un controllo da parte del nostro assessore Dafne Musolino con la polizia municipale. Mi viene il vomito solo a pensare che tra gli organizzatori ci possano essere anche rappresentanti delle istituzioni municipali. Lo volete capire che non è il momento di organizzare e partecipare a queste manifestazioni? Farò di tutto per impedire queste iniziative e gli autori saranno denunciati per attentato alla pubblica e privata incolumità”. Così Cateno De Luca commenta con rabbia l’avvenuto svolgimento di una festa in discoteca a Messina la scorsa notte. Un evento, accompagnato dall’hashtag “Stiamo benissimo” che ha scatenato l’ira del primo cittadino poiché il raduno dei giovani nel dancing, con la relativa organizzazione di questa serata, si pone in contrasto con le direttive delle autorità sull’emergenza Coronavirus.

“L’assessore Musolino insieme alla Polizia Municipale ha elaborato un vademecum sulle misure che chiediamo ad ogni esercente di fare rispettare in ottemperanza al decreto della presidenza del consiglio dei ministri – spiega De Luca –. Per ciò che concerne le attività di pubblico spettacolo in genere (teatri cinema sale da ballo svolti in aree pubbliche e private) che comportano assemblamenti di persone tali per cui non può essere garantita la sicurezza igienica sanitaria di cui all’allegato 1 (e con particolare riguardo alla distanza interpersonale di metri 1) non possono essere consentite. È fatto obbligo per tutti gli esercizi commerciali di mettere a disposizione dei clienti soluzioni idroalcoliche garantendo la permanenza del prodotto durante tutto il periodo di apertura. Si ritiene necessario quindi che ogni accesso a detti luoghi sia regolamentato da specifico personale che oltre a razionalizzare l’ingresso evitando un sovraffollamento dovrà verificare che sia somministrata ad ogni cliente la soluzione idroalcolica prima ancora di consentire l’accesso al locale. Per i locali pubblici di somministrazione la collocazione dei tavoli deve essere conforme alle indicazioni del relativo allegato 1″.

“In via precauzionale – continua De Luca -, si suggerisce di apparecchiare i posti per la somministrazione solo all’arrivo del cliente con stoviglie messe al tavolo al momento. Tutto ciò che poi verrà messo al tavolo, verosimilmente proveniente da depositi (bottiglie vasi e centrotavola )dovrà essere igienizzato. È necessario arieggiare ciclicamente i locali mentre il personale dipendente deve evitare qualsiasi contatto col cliente generico durante l’attività lavorativa mantenendo la massima cura ed igiene personale provvedendo spesso a disinfettarsi le mani. Il personale addetto a laboratori alimentari nonché quelli addetti al servizio ai clienti (bar e ristoranti) dovranno utilizzare indumenti di servizio diversi dal normale vestiario di arrivo. Confermo che la Polizia Municipale sta eseguendo i controlli per la verifica del rispetto della chiusura delle scuole e delle altre misure come sopra esposte ed elencate”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.