Festa indù sul Gange, così la variante indiana è entrata in Italia :ilSicilia.it

due positivi in Veneto erano stati in pellegrinaggio

Festa indù sul Gange, così la variante indiana è entrata in Italia

di
28 Aprile 2021

La nuova variante indiana del Covid-19, che sta mettendo in ginocchio il paese asiatico, è stata individuata anche in Italia. In particolare in Veneto, a Bassano del Grappa, dove sono stati evidenziati due casi.

Si tratta di una famiglia di Villaverla (Vicenza), di origine indiana, che ha partecipato alla festa induista del Kumbh Mela, che prevede il bagno ammassati nel fiume sacro Gange, come vuole la tradizione induista.

Lì, senza distanziamento né mascherine, probabilmente sono state contagiate migliaia di persone. Al ritorno in Italia, padre e figlia sono risultati positivi al Covid. In particolare alla variante B.1.617. Così è arrivata in Italia.

Al momento non si registrano casi in Sicilia.

SINTOMI

I suoi effetti, ovvero se sia più pericolosa per contagiosità, letalità e resistenza ai vaccini, sono ancora in corso di valutazione. In attesa di ulteriori studi, sembra che la variante indiana -per quanto riguarda i sintomi- in taluni casi potrebbe rivelarsi più impattante sull’organismo.

Tosse, raffreddore, mal di testa e mal di gola, febbre, dolori muscolari, diarrea, stanchezza e spossatezza, ovvero i primi segnali della presenza del coronavirus nelle persone, sono di solito più forti. E di conseguenza anche i tempi di guarigione ne risentono.

COSA SAPPIAMO

I due contagiati dalla variante indiana sono rientrati in Italia il 7 aprile atterrando a Bergamo e da lì avevano preso un taxi per tornare a casa.  La variante è stata sequenziata in almeno 17 Paesi in tutto il mondo, fra cui l’Italia, secondo quanto rivelato dall’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). I Paesi dove è stata rilevata con più frequenza sono: India, Stati Uniti, Regno Unito e Singapore. Ma anche in Belgio, Svizzera, Grecia e Italia.

La mutazione del virus che sta flagellando l’India è detta anche variante B.1.617; ha una serie di “sub-varianti” ed è stata classificata finora come mutazione “di interesse” ma non ancora “preoccupante“, che l’etichetterebbero come più pericolosa del virus originale in quanto più contagiosa, più letale o resistente ai vaccini.

STOP AI VOLI

Intanto il ministro della Salute Roberto Speranza ha firmato una ordinanza che vieta l’ingresso in Italia a chi negli ultimi 14 giorni è stato in India. I residenti in Italia potranno rientrare con tampone in partenza e all’arrivo e con obbligo di quarantena.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La strada ed il pallone

Quanti di voi sono cresciuti giocando per strada, hanno frequentato le scuole pubbliche, dovendo crescere a volta prima del previsto? Cosa oggi hanno imparato e cosa possono consigliare alle nuove generazioni?

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Serie Tv: tante le novità in arrivo

Terminato o allentato il blocco delle produzioni a causa della pandemia, le nuove stagioni di molte Serie tv (alcune delle quali  attesissime perché conclusive) arriveranno a breve sugli schermi

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Aldo Rizzo: una risorsa sprecata

Nei giorni scorsi abbiamo appreso la triste notizia della scomparsa di Aldo Rizzo conosciuto e apprezzato prima come magistrato e poi come politico e amministratore pubblico.
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Una politica con troppi Capi e pochi Leader

Sono giorni frenetici per la politica nazionale e siciliana. Iniziano assemblee, vertici e riunioni dei partiti per discutere le migliori strategie, per non perdere posizioni e leadership nelle varie coalizioni. Ma tutto ciò serve veramente a qualcosa?

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin