Feste senza alcuna autorizzazione, noto lido di Cefalù sotto sequestro :ilSicilia.it
Palermo

il Lido Maljk

Festa con quattrocento persone senza alcuna autorizzazione, sequestrato lido a Cefalù

6 Novembre 2019

Il commissariato di Cefalù ha eseguito un decreto di sequestro preventivo, emesso dal Gip di Termini Imerese, nei confronti dello stabilimento balneare “Maljk“.

Nel corso dei controlli, avvenuti nella notte tra il 31 agosto e il primo settembre, gli agenti hanno verificato che era in corso una serata danzante, condotta da un Dj, con oltre 400 persone.

Una evento che sarebbe stato organizzato dal titolare dello stabilimento balneare, senza la necessaria certificazione di agibilità, rilasciata dalla questura, relativa alla solidità e alla sicurezza dei locali.

La serata era stata anche pubblicizzato sui social. Ai poliziotti i titolari avrebbero mostrato una licenza del 2017 scaduta a settembre dello stesso anno.

 

 

AGGIORNAMENTO DEL 15/11/2019

Lido Maljk CefalùIl Lido fa sapere che “a seguito di istanza presentata dalla Ditta al GIP di Termini Imerese, la Procura della Repubblica, a cui gli atti erano stati inviati per il parere di rito, ha disposto l’immediato dissequestro del Lido Maljk in quanto è stato acclarato che la Ditta il primo Settembre 2019 aveva l’autorizzazione di agibilità per 600 persone.

Nonostante l’increscioso inconveniente la Ditta nutre massima fiducia nell’Autorità giudiziaria, tenuto conto che anche gli episodi a cui è stata sottoposta, suo malgrado, si sono conclusi con provvedimenti favorevoli da parte dell’attenta magistratura interessata di volta in volta”.

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.