13 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 17.04
Palermo

all'interno di #aspettandoilfestino2019

Festino Santa Rosalia: i detenuti-attori dell’Ucciardone emozionano all’Orto Botanico | Video e Foto

9 Giugno 2019

Guarda il video in alto 

All’interno della manifestazione “Una Marina di Libri“, i detenuti-attori del Corso del Laboratorio Teatrale della Casa di Reclusione Ucciardone, condotto da Lollo Franco, hanno raccontato, tra storia e tradizione, alcuni passaggi della storia di Rosalia Sinibaldi, appuntamento inserito nella rassegna #aspettandoilfestino2019, ideata dallo stesso Franco e da Vincenzo Montanelli.

I detenuti-attori si sono cosi presentati, “sono e mi chiamo”: Carlo Foggia, Antonio Napoli, Domenico Siciliano, Girolamo Lipari, Francesco Cardella, Alessandro Cannizzo, Silvestri Lo Re, Gianni Giovannoni.

detenuti

Tra l’emozione del pubblico, composto anche dai familiari dei detenuti che saranno anche gli interpreti, a luglio nello storico quartiere Monte di Pietà a Palermo, del “Festinello“, con i colori propri della tradizione siciliana sono stati riportati brani della storia di Santa Rosalia.

Non è la prima volta che questi detenuti si esibiscono ma come ci ha detto uno di loro, Silvestri Lo Re, l’eccezionalità, all’Orto Botanico, è stata aver avuto un contatto diretto con il pubblico e sentire l’emozione che il loro contributo, sottolineato anche a fine incontro dal sindaco Leoluca Orlando, ha per la città, per le loro famiglie e, soprattutto, nelle vite di ciascuno di loro. Saranno loro stessi inoltre, come ha dichiarato Vincenzo Montanelli, a trainare il 14 luglio il Carro Trionfale tra le strade della città.

Questo appuntamento, fortemente voluto sia dal gruppo di lavoro del 395° Festino di Santa Rosalia, sia dagli organizzatori di Una Marina di Libri, Nicola Bravo e Piero Melati, presenti tra il pubblico, si pone in continuità con il lavoro svolto in questi mesi all’interno della Casa di Reclusione Ucciardone, sede del cantiere per la realizzazione del Carro Trionfale del 395° Festino di Santa Rosalia.

Momento particolarmente significativo, infine, dopo la performance degli attori e dell’esibizione musicale di Gaspare Palazzolo e Fulvio Buccafusco, è stato anche l’incontro con il gruppo di ragazzi ospiti dell’Istituto Penale per Minorenni Malaspina presenti, in permesso, all’Orto Botanico.

Guarda la gallery sotto

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
LiberiNobili
di Laura Valenti

Donne che amano troppo

Le vie della dipendenza relazionale sono da rintracciare nell’infanzia perché si è stati emotivamente deprivati di tutte quelle conferme necessarie a una buona e sana crescita del sé e per via dei condizionamenti socioculturali e religiosi che portano a essere maledettamente insicuri e dipendenti nella relazione con il proprio partner.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.