17 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 21.40
Palermo

Ai Cantieri Culturali della Zisa

Festival Sabir: appuntamenti di musica, teatro e letteratura a Palermo

10 Ottobre 2018

Approda a Palermo, dall’11 al 14 ottobre all’interno dei Cantieri della Zisa, il Festival Sabir,  festival diffuso delle culture mediterranee, inserito tra le iniziative di Palermo Capitale Italiana della Cultura 2018.

L’appuntamento porterà in città rappresentanti della società civile italiana e internazionale per momenti formativi, incontri internazionali, laboratori e appuntamenti culturali di teatro, cinema, letteratura e musica.

giuseppe cederna

Un calendario molto fitto quello del Sabir, ad ingresso gratuito e aperto a tutti: tra gli spettacoli teatrali, la sera di giovedì 12 andrà in scena “Mediterraneo Express” di e con Giuseppe Cederna, un viaggio sull’acqua dalle rive del Gange alle isole del Mediterraneo, mentre il 13 ottobre sarà la volta di “Mamme Narranti”, format tra teatro, musica e circo promosso da Andrea Satta e i Tetes de Bois, che coinvolge  bambini di origine straniera e le loro mamme con favole della tradizione di diversi paesi.

Musiche di tutte le provenienze, da quelle mediterranee del Trio Nahawand ai suoni di body music e lingua arcaica greca e sud italiana del progetto “Bodyterranean” di Simone Mongelli, alla pizzica dei leccesi Officina Zoè.

Attesissimo il 12 ottobre è Bombino, stella del desert blues, nato e cresciuto in Niger, ad Agadez, nel nord dell’Africa, nella tribù dei Tuareg Ifoghas, che lotta da secoli contro il colonialismo e l’imposizione dell’Islam più severo.

Quattro le serate di cinema a cura di Ucca (Unione dei Circoli Cinematografici Arci) che presenteranno “L’insulto” di Ziad Doueiri, “Last men in Aleppo” di Feras Fayyad e Steen Johannesen, e “Balon” di Pasquale Scimeca.

Il 13 ottobre sarà proiettato “Iuventa” alla presenza del regista Michele Cinque: un viaggio intenso e toccante che segue la l’organizzazione non governativa berlinese Jugend Rettet e la nave Iuventa, nata per salvare i migranti nel Mediterraneo e sequestrata nell’agosto 2017.

Spazio anche per la formazione, rivolta a giornalisti e operatori dell’accoglienza, e per i laboratori, da quello di fotografia con Letizia Battaglia al giornalismo a fumetti con Gianluca Costantini, dal videomaking a cura di Luna Gualano, alla danza con Arci Tavola Tonda.

Bellina

E ancora mostre fotografiche, tra cui “Tanakra” del fotoreporter Francesco Bellina, reportage realizzato ad Agadez insieme al giornalista Giacomo Zandonini e patrocinato da Gesap, che si compone di 24 fotografie.

Ci sono donne in cerca di alternative dopo che la loro attività è stata dichiarata illegale; ex contrabbandieri che si battono per trovare nuove economie; uomini nei ghetti che si scontrano ogni giorno col mantra “O l’Europa o niente. Dio è lì”.

Attento principalmente a tematiche politiche e sociali, è al tema delle migrazioni che Bellina ha dedicato gran parte dei suoi lavori, soprattutto negli ultimi anni documentando ciò che avviene all’interno delle comunità di migranti. Dai primi sbarchi di rifugiati subsahariani alla vita quotidiana nei centri di accoglienza, fino alle storie che corrono tra le comunità dei quartieri siciliani, come quello di “Ballarò” a Palermo.

Il programma dettagliato di tutti gli eventi è su www.festivalsabir.it; la manifestazione è promossa dall’Arci insieme ad Acli, Caritas Italiana e Cgil con la collaborazione di Asgi, A Buon Diritto, Carta di Roma e i patrocini di Rai, Anci e Comune di Palermo.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

La città dei gabbiani

Sono preoccupato, ma non perché non vedo nulla, ma perché attorno a me c’è gente invasata che vede il castello “vede la luce”. Questa è l’epoca del grande inganno. E intanto sentiremo i versi degli innumerevoli gabbiani che ci fanno sognare di esser cittadini nordici di una meravigliosa isola.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.