Fiaccolata a Palermo per Giulio Regeni, mercoledì presidio a Piazza Pretoria :ilSicilia.it
Palermo

Tutta l'Italia in mobilitazione per ricordare il ragazzo scomparso un anno fa

Fiaccolata a Palermo per Giulio Regeni, mercoledì presidio a Piazza Pretoria

di
23 Gennaio 2017
16142195_1406542889358098_6916739463787924167_nIl prossimo mercoledì 25 gennaio 2017, ad un anno esatto dalla scomparsa di Giulio Regeni, a Palermo si terrà una fiaccolata organizzata dall’Arci Palermo e da Amnesty International. Una mobilitazione nazionale per cercare la  “Verità per Giulio Regeni”.  In questi mesi cittadini, enti locali, biblioteche, giornali, radio, programmi televisivi, personaggi dello spettacolo, scuole di ogni ordine e grado hanno colorato di giallo l’Italia intera mobilitandosi per portare avanti la richiesta di verità per Giulio Regeni e per tutte le persone vittime di sparizione forzata e tortura in Egitto.

Il punto di ritrovo è fissato per le 18:30 a Piazza Pretoria.  Anche a Palermo, come in molte città italiane, verranno accese delle fiaccole alle 19.41, l’ora in cui Giulio Regeni uscì per l’ultima volta dalla sua abitazione prima della scomparsa.

Non solo Palermo, molte le città che si mobiliteranno per ricordare il ragazzo scomparso a Il Cairo l’anno scorso; sono infatti 21 le manifestazioni indette finora in varie località d’Italia per il 25 gennaio su iniziativa di Amnesty International.

A Fiumicello (Udine), dove il ricercatore nacque, il Comune ha organizzato una fiaccolata “per la scomparsa del nostro concittadino“. L’appuntamento nazionale è alle 12.30 alla Città Universitaria de La Sapienza, in Piazzale Aldo Moro a Roma, dove verranno distribuiti da Amnesty International 365 cartelli numerati per ricordare i giorni che sono passati dalla scomparsa di Giulio. Altre città segnalate nel sito di Amnesty sono Palermo, Cagliari, Napoli, Lecce, Trento, Bologna, Trieste, Udine, Padova, Rovigo, Brescia, Bergamo, Firenze, Pisa, Perugia, Pescara.

In piazza Matteotti, di fronte al Comune di Bergamo alle 19.41 verranno accese dei lumi e la manifestazione si dirigerà alla chiesa di San Bartolomeo. A Napoli ci si ritroverà in piazza Dante e Regeni sarà ricordato leggendo alcune righe contro sparizioni e torture che continuano ad accadere in Egitto. Amnesty International rivolge un appello alla mobilitazione “Invitiamo tutti a scendere in piazza e a tenere accesa la luce nella nostra richiesta di verità e giustizia!“.

Dalle 19 la città di Trento si riverserà in piazza Pasi anche qui per una fiaccolata, stesso presidio a Pisa dove il Gruppo Italia 010 di Amnesty International Italia e l’Associazione dei Dottorandi e Dottori di Ricerca Italiani (ADI) ricordano Regeni a Piazza Garibaldi.

A Roma si svolgerà anche una fiaccolata alle 19.41, in piazza San Lorenzo in Lucina. Sempre a Roma un’altra manifestazione si aprirà alle 12.30 presso l’Università La Sapienza (negli spazi esterni alle spalle del Rettorato) con il saluto del Rettore, prof. Eugenio Gaudio e sarà condotta da Marino Sinibaldi, direttore di Radio Tre. Nel corso della manifestazione lo scrittore Erri de Luca e gli attori Arianna Mattioli e Andrea Paolotti leggeranno estratti dei diari di viaggio di Giulio Regeni e interverranno, in collegamento telefonico, i suoi genitori Paola e Claudio.

A Firenze la fiaccolata sarà in piazza della Repubblica grazie al gruppo fiorentino di Amnesty  che lotta per continuare a chiedere la verità sul brutale omicidio del ricercatore italiano. Perché sia fatta luce sulla sua fine.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.