Fiammetta Borsellino fa i nomi: "Ecco i buchi neri di via D'Amelio. Depistaggi avallati dai pm" [VIDEO] :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

Per la prima volta le accuse si fanno pesanti

Fiammetta Borsellino fa i nomi: “Ecco i buchi neri di via D’Amelio. Depistaggi avallati dai pm” [VIDEO]

di
21 Giugno 2017

Fiammetta Borsellino ITW Fanpage.itLa verità sulla strage di via D’Amelio è stata “allontanata, se non evitata, da 25 anni di buchi neri”.

Dopo quattro filoni processuali è arrivato per Fiammetta Borsellino, la figlia minore del magistrato ucciso il 19 luglio 1992, il momento di dire come sono andate le cose. “Vogliamo la verità. Forse i collaboratori dovrebbero emergere anche da altri ambiti“, dichiara in una lunga intervista a Fanpage.it.

Fiammetta Borsellino, che per la prima volta aveva parlato in pubblico il 23 maggio scorso in occasione della diretta televisiva Rai da Via D’Amelio, intervistata da Sandro Ruotolo ripercorre i “buchi neri” e i depistaggi che hanno inquinato l’inchiesta e condannato all’ergastolo sei imputati poi scarcerati. Pone molte domande sulla gestione del falso pentito Vincenzo Scarantino, che si era accusato di avere rubato l’auto usata nell’attentato, e rievoca il mistero dell’agenda rossa del padre di cui si è persa ogni traccia. Per lei occorre chiedere “rigore morale” a chi ricopre “cariche istituzionali e di alta responsabilità” perché si dia conto delle deviazioni ai familiari delle vittime, ai giovani e a “quella buona parte del Paese che ripudia la mafia”.

La ricerca della verità, secondo Fiammetta Borsellino, passa attraverso l’accertamento di ciò che è acceduto dopo la strage ma anche prima. E in proposito ricorda i contrasti tra il padre e il procuratore capo dell’epoca, Pietro Giammanco, il quale avrebbe negato a Paolo Borsellino la delega a indagare su Palermo, salvo poi a cambiare idea con una telefonata “alle 7 del mattino”. E aggiunge: “C’è poi da fare luce su tutta quella parte oscura che chiamano trattativa. E riguarda quei 57 giorni fondamentali intercorsi tra la morte di Falcone e quella di mio padre. Su questo punto mio padre non è stato mai sentito dai pm di Caltanissetta”.

Nella ricerca della verità sulla strage di via D’Amelio e sui depistaggi Fiammetta Borsellino chiama in causa, nell’intervista, sia il pool investigativo guidato da Arnaldo La Barbera sia i magistrati della procura di Caltanissetta. Al pool di La Barbera, deceduto da alcuni anni, la figlia del magistrato attribuisce la discussa gestione di Vincenzo Scarantino, un numero spropositato (ben 10 quelli autorizzati) di colloqui investigativi con il falso pentito, una ricostruzione dei preparativi della strage poi smontata dal vero pentito Gaspare Spatuzza.

Fiammetta Borsellino

Non mancano nell’intervista i riferimenti critici ai magistrati di Caltanissetta che seguirono la prima fase dell’inchiesta. La figlia del magistrato ucciso cita il procuratore capo del tempo Giovanni Tinebra, recentemente scomparso, i pm Carmelo Petralia e Anna Maria Palma ai quali si aggiunse nel novembre 1994 anche il collega Nino Di Matteo.

Dalla linea che sosteneva l’attendibilità di Scarantino si distaccarono, ricorda Fiammetta Borsellino, Ilda Boccassini e Roberto Sajeva. Alcuni passaggi dell’inchiesta non sarebbero stati neanche verbalizzati. Un confronto decisivo tra Scarantino e il boss pentito Salvatore Cancemi venne fatto in sede investigativa e non fu portato al dibattimento “dove si forma la prova”.

Alcuni pm avrebbero smentito in anticipo ritrattazioni di Scarantino che sarebbero state fatte solo dopo. Fino alla Cassazione venne in sostanza avallata l’impostazione del gruppo di La Barbera. Correzioni di linea sarebbero state introdotte solo a partire dal processo Borsellino ter. Chi e perché ispirò Scarantino? “L’ansia da risultato – risponde Fiammetta Borsellino – non può essere, per noi familiari, una giustificazione. Ovvio che, alle luce del pentimento di Spatuzza, questo quadro assume un carattere veramente inquietante”

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco