Fiammetta Borsellino in Commissione Antimafia: "Non chiedetemi i nomi, sapete bene chi è stato" :ilSicilia.it

oltre un'ora in audizione

Fiammetta Borsellino in Commissione Antimafia: “Non chiedetemi i nomi, sapete bene chi è stato”

di
18 Luglio 2018

“Le motivazione del Borsellino quater hanno avvalorato quanto sapevamo sui depistaggi cominciati a partire dal ’92. Io racconto fatti, mi riferisco a dati contenuti nelle carte processuali. Le mie non sono opinioni. I nomi non li faccio io, ma sono negli atti. Se la procura di Caltanissetta e i magistrati del tempo hanno fatto male, è giusto che rendano conto del loro operato”.

Così Fiammetta Borsellino all’uscita della Commissione regionale Antimafia che ha sentito la figlia del magistrato ucciso in via D’Amelio a Palermo il 29 luglio ’92.

L’audizione, cominciata alle 14 a Palazzo dei Normanni, si è conclusa alle 15.30. “Continueremo con martellanti richieste fino a quando la verità non verrà a galla“, ha aggiunto.

A convocare la figlia del magistrato Paolo Borsellino, ucciso 26 anni fa nella strage di via D’Amelio, è stato il presidente della Commissione dell’Ars, Claudio Fava, a seguito della sentenza del processo Borsellino Quater, che aveva definito via D’Amelio uno dei più grandi depistaggi giudiziari della storia della Repubblica Italiana.

“Ho cercato di chiarire tutte quelle che sono state le anomalie che hanno caratterizzato le indagini e i processi su via D’Amelio. E’ una cosa che faccio da tempo. Da parte mia e della mia famiglia non ci sono giudizi, ma un’analisi e un racconto dei fatti, fatti accertati processualmente. Non c’e’, quindi, alcuna questione personale”.

Di fronte a tali gravi anomalie – ha detto sul finire dell’audizione – non si poteva stare zitti e non si poteva non chiedere delle spiegazioni“.

Poi Fiammetta Borsellino mira al bersaglio grosso e chiama in causa quello che fino ad allora era stato il convitato di pietra: lo Stato. “Vertici istituzionali e investigatori che hanno ordito il depistaggio sulla strage di via D’Amelio – incalza – hanno fatto male non solo a noi ma all’intero Paese perchè è stata offesa anche l’onorabilità della magistratura”.

Con queste parole la figlia del magistrato assassinato dalla mafia abbandona la sala dell’audizione, un’affermazione che potrebbe avere il sapore dell’anatema sulle labbra di chiunque altro ma non sulle sue. Sorella del confine tra stanchezza, mai scambiarla per rassegnazione, e l’indolenza di chi non ha ancora smesso di soffrire si congeda così.

Alla domanda se dopo le sue prese di posizione qualcuno degli interessati si fosse fatto sentire, Fiammetta Borsellino risponde di no. “All’inizionon avevamo alcun sospetto su quello che stava accadendo. Avevamo contatti con gli inquirenti (i magistrati Tinebra, Petralia, Di Matteo) ma nessun sospetto. Poi, davanti agli atti, abbiamo capito”.

Prima dell’ingresso in Commissione Antimafia, Fiammetta Borsellino non aveva rilasciato dichiarazioni ai cronisti ma solo preannunciato che “Il contenuto di ciò che dirò è già desecretato perché sono le mie 13 domande che sono oggi pubblicate sul quotidiano ‘La Repubblica‘ “.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.