25 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 10.37
Palermo

Operativo dal 2020

Fibra ottica, da Palermo il primo cavo sottomarino fino a Genova

22 Aprile 2019

Al via BlueMed, il primo cavo sottomarino che collegherà Palermo con Genova, fino a Milano.

Sparkle (operatore globale del Gruppo TIM) torna a investire in Sicilia, puntando sul Capoluogo per consolidare la leadership digitale nel Mediterraneo.

Sarà installato BlueMed, cavo sottomarino multifibra che collegherà Palermo con la costa ligure. Il nuovo cavo, sarà lungo circa 1.000 Km e sarà operativo per il 2020: attraverserà il Mar Tirreno «collegando il Sicily Hub di Sparkle a Palermo – data center neutrale e connesso con 18 cavi internazionali – con la nuova stazione di atterraggio neutrale di Genova, direttamente collegata al ricco ecosistema digitale di Milano», spiegano dalla società.

Includerà anche diverse ramificazioni nel Tirreno supporterà ulteriori estensioni a sud della Sicilia. Una fibra ultraveloce «con una capacità fino a 240 Tbps, fornirà connettività avanzata tra Medio Oriente, Africa, Asia e gli hub continentali europei con una latenza ridotta del 50% rispetto ai cavi terrestri che collegano la Sicilia con Milano. Inoltre, la nuova stazione di atterraggio di Genova si propone di diventare via preferenziale per i futuri cavi sottomarini alla ricerca di un accesso diversificato sulla costa europea occidentale, rafforzando il ruolo dell’Italia come gateway digitale tra Africa, Medio Oriente, Asia ed Europa.

“L’investimento per la realizzazione di BlueMed e della stazione di atterraggio a Genova – ha spiegato Mario Di Mauro, Amministratore Delegato della società – rappresenta la prima fase di un piano più ampio volto a consolidare la leadership di Sparkle nel bacino del Mediterraneo attraverso l’estensione e il rafforzamento del suo backbone regionale”.

 

LEGGI ANCHE:

TIM: Palermo sul podio delle province italiane per consumo di internet

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.