Ficarra (Lega): "Città metropolitane al collasso, torniamo alle vecchie Province" :ilSicilia.it
Palermo

"situazione nel caos”

Ficarra (Lega): “Città metropolitane al collasso, torniamo alle vecchie Province”

6 Giugno 2019

“Sulle ex Province non è più pensabile fare melina. L’attuale situazione delle Città metropolitane è al collasso e ciò che più mi preoccupa è lo stato di abbandono delle strutture scolastiche e delle manutenzioni delle strade che è, tristemente, un dato di fatto”.

Ad intervenire sul tema delle province prima abolite e poi trasformate in Città metropolitane è Elio Ficarra, responsabile per la Lega degli enti locali della provincia di Palermo e vicecapogruppo in consiglio comunale del partito di Salvini.

Elio Ficarra
Elio Ficarra

“In questi giorni ho incontrato diversi lavoratori delle province del palermitano che mi hanno manifestato preoccupazione per una situazione di stallo e di incertezza in cui si trovano, in modo particolare per la tutela del proprio lavoro”.

“Credo che l’unica strada percorribile sia quella di ripristinare il modello delle vecchie Province abolite dalla scellerata decisione, attuata nel 2013 dal governo Crocetta che, di fatto, ha generato un vero e proprio caos. Quella che veniva definita una ‘rivoluzione’ si è invece rivelata come un de profundis per gli enti provinciali che hanno viste cancellate le proprie economie e aumentati gli indebitamenti”.

“Ritengo che, come ribadito dal sottosegretario all’Interno Stefano Candiani e commissario della Lega in Sicilia, di cui condivido pienamente la linea su questo tema, nel corso di una riunione svolta una settima fa al Viminale alla presenza dei rappresentanti di tutte le regioni, sia necessario superare la legge Delrio, dando valore agli enti intermedi quali istituzioni di primo livello nella gestione del territorio”.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Che Vuoi che Sia?

Basta che uno di questi missili venga lanciato “per errore”, che questi giocatori di Risiko non da tavolo, ma con le vite altrui, sbaglino ………. e un missile giunga su di noi, “finiu u cinema”!