Ficarra (Lega): "Irresponsabili Orlando e Catania che pensano ai tram in questo momento" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

una nota del consigliere comunale

Ficarra (Lega): “Irresponsabili Orlando e Catania che pensano ai tram in questo momento”

di
4 Aprile 2020

“In una situazione così drammatica per Palermo e per il nostro Paese, che vive l’emergenza sociale e economica a causa del coronavirus, il sindaco Orlando ha pensato ‘bene’ di chiedere al suo assessore alla mobilità, Giusto Catania, di inviare una relazione al presidente del consiglio comunale di Palermo, con la quale chiede: ‘grande compattezza e collaborazione dell’intero consiglio comunale perché siamo alla vigilia di scelte che interverranno in modo decisivo verso una trasformazione del tessuto urbano e una riqualificazione della città di Palermo’.

È quanto afferma il consigliere comunale e vicecapogruppo della Lega, Elio Ficarra, in riferimento alla relazione, che il Sindaco ha chiesto all’assessore Catania di predisporla e di inviarla al presidente di Sala delle Lapidi, Totò Orlando, relativamente al bando di gara delle tre nuove linee del tram di Palermo.

“Orlando sembra ormai vivere in una sorta di sindrome di Stoccolma dove, dalla sua quarantena, invita, giustamente, i cittadini a rimanere nelle proprie abitazioni per poi, all’improvviso, essere liberato annunciando che la priorità è la realizzazione delle nuove linee del tram. Quel tram economicamente in perdita per le casse dell’amministrazione, considerando che lo stesso presidente dell’Amat, Michele Cimino, ha chiesto al Comune 120 milioni di euro, pena la sospensione del servizio”.

“A ciò si aggiunge la giustificazione, mossa nella relazione, dall’assessore Catania, che trasformandosi in avvocato del diavolo prende le ‘difese’ dell’ingegnere Li Castri, il dirigente comunale arrestato per corruzione e che definisce tale arresto: ‘riguardante vicende amministrative ed atti deliberativi che nulla hanno a che fare con il tram. L’unico elemento di contatto, su cui si costruisce l’assunto della presunta irregolarità, è rappresentato dal fatto che il presidente della commissione del concorso di progettazione sia coinvolto nell’inchiesta’.

“Al di là delle elucubrazioni lessicali di Catania che parla, anche, di ‘visione programmatica ambiziosa per il futuro della città’, adesso è giunto il momento, per un centrodestra unito, di avviare una nuova stagione che possa ridare a Palermo una guida responsabile. Un progetto politico che guardi ai problemi della gente, del territorio e del tessuto produttivo”.

“La priorità, oggi, – ha detto infine Ficarra – non può essere il tram ma ciò che avverrà dopo che l’emergenza coronavirus sarà superata. E Palermo non può continuare ad avere una classe dirigente politica che, nei fatti, antepone le proprie velleità, da prima donna, alle reali necessità della propria comunità. E le somme stanziate ieri dalla giunta, a sostegno anche del covid19, rimangono, comunque, in un atto di legittima solidarietà, una goccia all’interno di un mare senza confini”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.