Ficarra (Lega): "Irresponsabili Orlando e Catania che pensano ai tram in questo momento" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

una nota del consigliere comunale

Ficarra (Lega): “Irresponsabili Orlando e Catania che pensano ai tram in questo momento”

di
4 Aprile 2020

“In una situazione così drammatica per Palermo e per il nostro Paese, che vive l’emergenza sociale e economica a causa del coronavirus, il sindaco Orlando ha pensato ‘bene’ di chiedere al suo assessore alla mobilità, Giusto Catania, di inviare una relazione al presidente del consiglio comunale di Palermo, con la quale chiede: ‘grande compattezza e collaborazione dell’intero consiglio comunale perché siamo alla vigilia di scelte che interverranno in modo decisivo verso una trasformazione del tessuto urbano e una riqualificazione della città di Palermo’.

È quanto afferma il consigliere comunale e vicecapogruppo della Lega, Elio Ficarra, in riferimento alla relazione, che il Sindaco ha chiesto all’assessore Catania di predisporla e di inviarla al presidente di Sala delle Lapidi, Totò Orlando, relativamente al bando di gara delle tre nuove linee del tram di Palermo.

“Orlando sembra ormai vivere in una sorta di sindrome di Stoccolma dove, dalla sua quarantena, invita, giustamente, i cittadini a rimanere nelle proprie abitazioni per poi, all’improvviso, essere liberato annunciando che la priorità è la realizzazione delle nuove linee del tram. Quel tram economicamente in perdita per le casse dell’amministrazione, considerando che lo stesso presidente dell’Amat, Michele Cimino, ha chiesto al Comune 120 milioni di euro, pena la sospensione del servizio”.

“A ciò si aggiunge la giustificazione, mossa nella relazione, dall’assessore Catania, che trasformandosi in avvocato del diavolo prende le ‘difese’ dell’ingegnere Li Castri, il dirigente comunale arrestato per corruzione e che definisce tale arresto: ‘riguardante vicende amministrative ed atti deliberativi che nulla hanno a che fare con il tram. L’unico elemento di contatto, su cui si costruisce l’assunto della presunta irregolarità, è rappresentato dal fatto che il presidente della commissione del concorso di progettazione sia coinvolto nell’inchiesta’.

“Al di là delle elucubrazioni lessicali di Catania che parla, anche, di ‘visione programmatica ambiziosa per il futuro della città’, adesso è giunto il momento, per un centrodestra unito, di avviare una nuova stagione che possa ridare a Palermo una guida responsabile. Un progetto politico che guardi ai problemi della gente, del territorio e del tessuto produttivo”.

“La priorità, oggi, – ha detto infine Ficarra – non può essere il tram ma ciò che avverrà dopo che l’emergenza coronavirus sarà superata. E Palermo non può continuare ad avere una classe dirigente politica che, nei fatti, antepone le proprie velleità, da prima donna, alle reali necessità della propria comunità. E le somme stanziate ieri dalla giunta, a sostegno anche del covid19, rimangono, comunque, in un atto di legittima solidarietà, una goccia all’interno di un mare senza confini”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Credete che stiano dormendo?”

Non voglio ritornare a quel mondo malato, Io mi auguro di venirne fuori, quantomeno fisicamente, ma dovremmo fare un patto, un vero patto collettivo affinché si prenda insegnamento di tutto quanto ciò e si possa per una volta dire: “mai più!”. La riflessione di Epruno.
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin