Fiducia nei medici: ecco i preferiti nei sondaggi. Sul Natale gli italiani sono divisi | I GRAFICI :ilSicilia.it

IL SONDAGGIO DI TERMOMETRO POLITICO

Fiducia nei medici: ecco i preferiti nei sondaggi. Sul Natale gli italiani sono divisi | I GRAFICI

di
21 Novembre 2020

SCORRI LE FOTO IN ALTO

Che indice ha la fiducia degli italiani verso i tanti medici che intervengono nei telegiornali e nei talk show dall’inizio della pandemia? Un sondaggio di Termometro Politico rivela i seguenti dati.

Al primo posto c’è Massimo Galli (direttore malattie infettive del Sacco di Milano) con il 23,6% di gradimento seguito dal virologo Matteo Bassetti, che si attesta al 19,6% dei consensi. Al terzo posto c’è Alberto Zangrillo, primario della terapia intensiva del San Raffaele di Milano con il 14,7%.

Perdono di credibilità il virologo Andrea Crisanti che si posiziona all’8,8% e Roberto Burioni con il 7,8%. All’ultimo posto, con lo 0,7% si posiziona il virologo Guido Silvestri, della Emory University di Atlanta.

ALTRO TEMA CALDO: IL NATALE

Gli italiani si dividono sull’argomento festività natalizie. Secondo il 23,9% infatti, il cenone andrebbe vietato.

Per il 28% va consentito solo con i congiunti di primo grado mentre il 16,9% dice: “Solo con un numero massimo (limite) di persone. Esempio: 6 persone”.

Un 27,8% dichiara che non ci dovrebbero essere restrizioni per il Natale. Il 3,4 %non so“.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin