Fiera mercato della biodiversità alimentare: al via all'Orto Botanico la V edizione di Biodì :ilSicilia.it
Palermo

nel week end del 10, 11 e 12 maggio

Fiera mercato della biodiversità alimentare: al via all’Orto Botanico la V edizione di Biodì

24 Aprile 2019

Ritorna il grande pubblico all’Orto botanico di via Lincoln, fiore all’occhiello del SIMUA, sistema museale d’Ateneo di Palermo, in occasione di Biodì nel week end del 10, 11 e 12 maggio.

La fiera mercato della biodiversità alimentare d’eccellenza giunta alla V edizione è finanziata con fondi regionali dell’ assessorato alla Formazione Professionale.

Biodì quest’anno si lega al tema dell’ eccellenza del cibo dei parchi siciliani: Etna, Madonie, Sicani, Nebrodi, Alcantara, ma anche le isole di Ustica e di Pantelleria, aree protette di terra e di mare, dove si assiste alla rinascita di un’agricoltura riconosciuta con il termine di “eroica” per le difficili condizioni ambientali cui si è adattata nei secoli.

Biodì – spiegano gli organizzatori del dipartimento SAAF di Scienze Agrarie, Alimentari e Forestali dell’ Università di Palermo e di Idimed, Istituto per la Dieta Mediterranea – è una kermesse che mette a confronto aziende agroalimentari, produttori e coltivatori “agrifood” del Mediterraneo, enti pubblici e mondo della ricerca, per promuovere una corretta alimentazione fatta di cibi semplici, rurali e poco trasformati, come quelli tipici della Dieta riconosciuta come modello salutistico e già patrimonio Unesco dal 2010″.

“La novità di quest’ anno, oltre alla consueta possibilità di acquistare i prodotti, saranno i food contest dedicati al piatto del parco realizzati da chef dei territori, ed i menù speciali con i prodotti d’ eccellenza che saranno presentati in alcuni ristoranti selezionati in città in concomitanza dell’ evento a cura di Cronache di Gusto” proseguono gli organizzatori.

Le caratteristiche della kermesse ed il suo successo, che ha visto oltre 20.000 visitatori in quattro edizioni, sono legate alla concomitanza di iniziative differenti legate dal tema dell’ eccellenza del food siciliano: incontri e di formazione scientifica con seminari tematici, promozione del mercato dei prodotti agroalimentari tipici, in un’ottica di utilizzazione gastronomica e di sviluppo territoriale integrato, innovazioni in cucina. La prime quattro edizioni hanno ospitato oltre 100 aziende siciliane rappresentative delle filiere dell’ortofrutta, dei prodotti zootecnici, della pesca, dei prodotti da forno, delle leguminose da granella e dei prodotti trasformati (olio, vino, birra)” aggiungono.

Quest’ anno saranno coinvolti i produttori dei territori d’ eccellenza Parco dell’Etna, Parco dei Nebrodi, Parco dei Sicani, Parco delle Madonie, Parco fluviale dell’Alcantara, Parco Nazionale dell’Isola di Pantelleria, isola di Ustica, che porteranno il vino e l’ olio come prodotto trasversale, e tutte le specificità delle singole aree: formaggi, nocciole, legumi, lenticchie, frutta secca, conserve di frutta e verdure, grani e pasta, capperi ed uva, in ossequio alla dieta mediterranea” concludono gli organizzatori.

Spiega il direttore dell’ Orto Botanico Rosario Schicchi che si dall’inizio ha fortemente creduto nella formula dell’ evento Biodì: ”L’Orto continua il suo percorso di apertura alla città ospitando le eccellenze alimentari siciliane espressione della biodiversità caratteristica del paesaggio agrario siciliano. La mostra all’interno del ginnasio, sarà questa volta dedicata all’ Abies nebrodensis, pannelli espositivi e fotografici che documentano il lavoro di conservazione compiuto dall’ Ente Parco e dai comuni di Polizzi e Geraci per scongiurare l’estinzione delle ultime 30 piante che si trovano nel Vallone Madonna degli Angeli, nel cuore del parco delle Madonie”.

In sala Lanza sarà proiettato un video di Vincenzo Sottosanti dal titolo “Un abete da salvare”.

Il programma

Si apre alle 9.30 di venerdì 10 per la stampa con la presentazione della mostra dedicata all’ Abies nebrodensis ed una visita agli stand dei parchi siciliani. A seguire, inaugurazione dell’ area gastronomica. Alle ore 11,30 incontro dal titolo “Il progresso dei Parchi: il ruolo della Cultura e dell’arte”. Dalle 13,30 alle 15,30 via ai laboratori di degustazione guidata. A seguire, alle 16,00 il primo contest food con i sapori di Ustica e di Pantelleria.

Sabato 11, apertura degli spazi food dalle 10.30, degustazioni guidate, seguirà l’ incontro dal titolo “Il progresso dei Parchi: il ruolo del sistema Agroalimentare e del turismo”. Seguiranno i laboratori degustazione, dalle 13,30 alle 15,30 ed a alle 16 il contest food sarà dedicato ai parchi delle Madonie e dei Nebrodi.

Domenica 12 il programma si replica come nelle prime due giornate, l’incontro tematico sarà dedicato al tema “Il progresso dei Parchi: il ruolo della Ricerca, dell’innovazione e dell’impresa” Alle 16 il contest food avrà come tema il parco dell’ Etna ed i Monti Sicani.

Sono partners dell’ evento gli enti Parco dell’Etna, Parco dei Nebrodi, Parco dei Sicani, Parco delle Madonie, Parco fluviale dell’Alcantara, Parco Nazionale dell’Isola di Pantelleria, Area marina protetta dell’isola di Ustica, Le Soste di Ulisse, Associazione Regionale Cuochi Siciliani, Sagrim Elettrolux, Coopculture ed il potale on line Cronache di Gusto.

Il costo del biglietto d’ ingresso è di 4 euro, 3 euro studenti.

Orario: 10.30 – 20.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.