FIGC-LND. Rivera : "Auspico che si arrivi ad un accordo" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Il 29 si vota per il neo Presidente della FIGC

FIGC-LND. Rivera : “Auspico che si arrivi ad un accordo”

23 Gennaio 2018

FIGC-LND. Intervento di Gianni Rivera nel corso dell’Assemblea Straordinaria Elettiva per designare il Presidente Figc-LND , Cosimo Sibilia, come candidato alla Presidenza della Figc in programma il 29 Gennaio 2018.
Intanto rimane in piedi ancora la candidatura di Tommasi che al termine dell’Assemblea dell’Aic dice: “Ho parlato con i dirigenti di società e c’è da capire cosa è per noi rinnovamento. Si dà per scontato che le parti siano due. Quindi noi oggi volevamo ribadire che sono tre. C’è anche Tommasi”. “Non è escluso che qualcuno faccia un passo indietro anche prima di domenica. E’ proprio una delle cose che non è stata esclusa. Ad oggi, però, non c’è perché non è chiara la situazione e bisogna scegliere i compagni di viaggio”
Così Cosimo Sibilia. ” Cerco di portare avanti il recupero di coesione e unità. La centralità è il consiglio federale, con la divisione dei ruoli tra la sfera decisionale e quella dell’agire – aggiunge -. Io rappresento l’area di base, la sterminata area dei dilettanti. Questa base mi ha voluto fortemente. Rifiuto l’idea di una visione riformista e conservatrice, non ci sono differenze. La Lnd ha dimostrato di essere al passo con i tempi. Dobbiamo ripartire dal rilancio del calcio giovanile. Penso al potenziamento dei centri federali, alla valorizzazione dei talenti, al Club Italia, coinvolgendo un ex calciatore, a premiare le eccellenze fino all’apertura al calcio di vertice e alla riforma dei campionati professionistici”.

Tag:
Cultura
di Renzo Botindari

Musica e Qualità di Vita

Oggi questa città ha più teatri “aperti”, ma nessuno di questi è dotato di una agibilità definitiva per il pubblico spettacolo, nell’attesa di lavori che comportano serie risorse dedicate e destinate alla loro messa in sicurezza. La musica, gli spettacoli meritano e necessitano di spazi propri sia per apprezzarne in pieno la qualità, sia per garantire quella trascurata dalle nostre parti “qualità di vita”, diritto di tutti.