FIGC. Sibilia eletto Vice Presidente Vicario, Miccichè Vice Presidente. | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Congratulazioni al palermitano Gaetano Miccichè ed a Cosimo Sibilia.

FIGC. Sibilia eletto Vice Presidente Vicario, Miccichè Vice Presidente.

di
30 Ottobre 2018

FIGC, Sibilia eletto Vice Presidente Vicario, Miccichè Vice Presidente

Sono ora ufficiali le prime nomine della nuova governance della Federcalcio guidata da Gabriele Gravina.

La vicepresidenza vicaria va al numero uno della Lega Nazionale Dilettanti, Cosimo Sibilia, la seconda vicepresidenza invece è stata assegnata al presidente della Lega di A, il palermitano Gaetano Miccichè.

Gaetano Miccichè: “Spero consiglio FIGC punti a rinnovamento mondo del pallone”
“Mi auguro che questo Consiglio, superando gli interessi di parte, sappia mettere al centro le aspettative di tutti per il rinnovamento del mondo del calcio. Regole chiare e durature nel tempo. Solo così si riuscirà a migliorare i risultati”. Il Presidente della Lega Serie A, eletto oggi all’unanimità come Vice Presidente della Figc, ha così commentato la riunione svoltasi a Roma.

Questo il messaggio su Twitter di Cosimo Sibilia : “Ringrazio tutti i componenti del Consiglio Federale per il voto unanime e sono lieto per la fiducia dimostrata nei miei confronti. Il mio contributo sarà massimo per il raggiungimento degli obiettivi della nuova governance

Per Malagò composizione consiglio non compete più al Coni .
“La presenza di Lotito, Nicchi e Tommasi in Consiglio Federale non è più una cosa che ci compete. E’ solo un problema di valutazione che stanno dando i giudici, e io mi rimetto a quello che decidono”.
Queste le parole di Malagò nel giorno in cui si insedia il nuovo consiglio federale della Figc presieduta da Gabriele Gravina.
Il Presidente della Lazio, il numero uno degli arbitri e quello dell’Assocalciatori, presenti in Via Allegri, erano stati giudicati non candidabili da parte del Collegio di garanzia del Coni, ma successivamente la Corte d’appello della Federcalcio ha deciso per la sussistenza dei requisiti di eleggibilità.
“Il presidente del Coni su questa partita è fuori. Ci sono gli organi che a questo punto hanno dato dei giudizi. Se qualcuno ritiene che questa partita sia chiusa così, ne prendiamo atto, se qualcuno non lo ritiene e ci sono strumenti diversi lo verificheranno. Non è certo un problema di nostra competenza”.

Presenti, in via Allegri, a Roma, come detto Claudio Lotito ma anche Giuseppe Marotta, consiglieri per la Lega di A.

Novità anche in Lega Pro con la presenza dell’amministratore delegato del Catania, Pietro Lo Monaco, e per l’Associazione italiana calciatori di Gianluca Zambrotta.

Gravina: “Prima riforma sarà su licenze nazionali”
Il primo tema che sarà affrontato è quello delle licenze nazionali. Entro il 31 dicembre, sei mesi prima dell’ipotetica scadenza storica, si fisseranno le regole per potersi iscrivere. Questo significa dare certezza”. E’ quanto riferito dal presidente della Federcalcio, facendo il punto dopo il primo consiglio federale di insediamento andato in scena a via Allegri.

Saranno norme chiare che eviteranno tutte quelle zone grigie che negli ultimi mesi hanno creato tensioni nel mondo del calcio”.

Anticipando che “al prossimo consiglio porteremo anche le modifiche ai format dei campionati per dare stabilità al sistema” (si tratta delle modifiche agli articoli 49 e 50 alle norme organizzative interne federali per le quali va convocata l’assemblea 4 mesi prima), Gravina ha proposto sei aree di intervento: governance (controlli e statuto), giustizia sportiva, riforma dei campionati, impiantistica, marketing (sviluppo economico e commerciale) e Club Italia.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.