FIGC. Tommasi ufficializza la sua candidatura | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

il 29 gennaio si vota per il nuovo Presidente della Figc.

FIGC. Tommasi ufficializza la sua candidatura

5 Gennaio 2018

Figc. Roma. Tramite un comunicato pubblicato oggi dall’Associazione Italiana Calciatori (AIC), l’ex centrocampista Damiano Tommasi ha annunciato ufficialmente la sua candidatura alla presidenza della FIGC in vista delle elezioni in programma il 29 gennaio. Tommasi, che è il presidente dell’Associazione Italiana Calciatori dal 2011, è il primo ad aver presentato ufficialmente la sua candidatura, mentre gli altri due candidati principali sono Gabriele Gravina, Presidente della Lega Italiana Calcio Professionistico, e Cosimo Sibilia, Presidente della Lega Nazionale Dilettanti , Vicepresidente vicario della Federazione Italiana Giuoco Calcio dal 2017 e senatore di Forza Italia.

Nel comunicato Tommasi scrive :

“La volontà di essere parte attiva del cambiamento viene da un percorso fatto negli ultimi anni che mi spinge a mettermi a disposizione per un progetto che sia il più possibile di condivisione.

Oggi i calciatori vogliono essere quelli che uniscono. In questo momento c’è la necessità di riportare al centro della discussione il progetto sportivo.
Manca poco più di una settimana per la presentazione ufficiale della candidatura e per la presentazione del programma ed è per questo che da parte mia c’è la voglia di scriverlo il più possibile insieme. Nelle scorse settimane mi sono confrontato con molti addetti ai lavori ed importante sarà capire le priorità per ciascuna componente. Molto è già stato scritto e alcune idee stanno già prendendo forma; l’auspicio è che si torni a parlare di calcio il più presto possibile sapendo che la volontà comune deve essere una: rilanciare il nostro movimento.”

“In un momento così delicato per il calcio italiano, reduce da una storica eliminazione nelle qualificazioni ai Mondiali, la prima dopo quasi sessanta anni, la volontà dei calciatori è di portare tutte le componenti attorno allo stesso tavolo con lo stesso obiettivo, rilanciare il movimento e superare le divisioni. Non sarà semplice e non sarà breve il percorso da intraprendere”, ha detto Tommasi in un comunicato dell’AIC. E poi: “Oggi la Figc ha bisogno di unità di intenti. Compito istituzionale è quello di dare una risposta seria, concreta e sufficientemente lungimirante a Italia-Svezia… altrimenti avremmo perso due volte”, ha concluso Tommasi con riferimento proprio all’eliminazione dai mondiali della nazionale Italiana divenuta definitiva a San Siro.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.