Figuccia a Musumeci: "Rimpasto di Governo per cambiare passo" :ilSicilia.it

"Dobbiamo uscire da queste sabbie mobili"

Figuccia a Musumeci: “Rimpasto di Governo per cambiare passo”

13 Ottobre 2019

Fiscalità di vantaggio, defiscalizzazione della benzina, zone franche montane, giovani, insularità e continuità territoriale, sono solo alcuni degli ingredienti per fare uscire la Sicilia da una condizione a cui è stata condannata da tanti anni di incuria, incapacità e sprechi. Bisogna cambiare passo; Governo e Parlamento si sono ficcati in sabbie mobili dalle quali dobbiamo uscire”. A dichiararlo Vincenzo Figuccia deputato Udc all’Ars e leader del Movimento Cambiamo la Sicilia.

“Un collegato durato oltre un anno e Commissioni inutili su temi importanti come quello della Formazione professionale, delle Politiche attive del lavoro, della Forestazione, dell’Agricoltura, senza però invitare i lavoratori ed i protagonisti di quei settori. Leggi approvate dal Parlamento in attesa di pronunciamenti della Corte Costituzionale che non arrivano mai. Riforme come quelle dei Consorzi di bonifica, della Polizia municipale e dei Rifiuti al palo da troppo tempo.

Per cambiare passo è necessario avviare un vero e proprio piano Marshall, ma tutto questo non si può fare con i protagonisti attuali, serve svecchiare una classe dirigente all’interno del centro-destra per dare spazio ad idee e progetti nuovi.

Suggerisco al Presidente della Regione di avviare presto un rimpasto di Governo al fine di sostituire quegli Assessori che non sono stati all’altezza dei processi per il rilancio economico, culturale e sociale della nostra terra. In linea con la sua storia e le sue posizioni consiglio di fare riferimento ad uomini che, vengono dalle eccellenze dei settori dove dovranno essere impegnati, tenendo lontani personaggi che abbiano a che fare con un sistema vetusto e che sono interpreti di una storia ormai trapassata.

Mancia comu parriUn vero e proprio restyling che tenga fuori i dinosauri, quelli che sono per conservare i privilegi della casta a partire dai vitalizi e che in troppi anni non hanno saputo fare uscire la Sicilia dalla sua arretratezza. Dobbiamo spingere sulle start up innovative, sulla digitalizzazione, rilanciare un piano per il Sud a partire dalla Sicilia, garantire il pieno utilizzo dei fondi comunitari, rilanciare le autonomie locali garantendo servizi come sanità e asili nido. Sostenere le famiglie incentivando la natalità e rilanciando il brand siciliano “Mancia comu Parri per un consumo critico dei prodotti che portiamo nelle nostre tavole. Agevolare le imprese attraverso la riduzione di tasse e la semplificazione della burocrazia. Per tali ragioni dobbiamo rinnovarci nelle idee e nei progetti, lasciando fuori quei personaggi che hanno ridotto la nostra Sicilia in queste condizioni”, ha concluso Figuccia.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.