Figuccia: "Centro-destra unito ma rinnovato, fuori dalle liste chi ha affossato la Sicilia" :ilSicilia.it

il deputato dell'udc sulla crisi di governo

Figuccia: “Centro-destra unito ma rinnovato, fuori dalle liste chi ha affossato la Sicilia”

10 Agosto 2019

Da giorni in Sicilia è già scattata l’operazione delle toto alleanze possibili, per una probabile corsa alle Politiche.

La notizia, ha oramai un tam tam mediatico intenso: la Lega di Salvini ha sfiduciato il premier Conte al Senato.

Lunedì 12 alle ore 16 è stata convocata dalla presidente di Palazzo Madama, Maria Elisabetta Alberti Casellati, la conferenza dei capigruppo che dovrà stabilire i tempi di discussione e votazione della mozione. Ma in questa riunione il Partito democratico giocherà la sua carta: chiederà che venga discussa prima la mozione di sfiducia individuale che da tempo ha presentato e che era stata rinviata alla ripresa autunnale. Il giorno dopo si riunirà anche al capigruppo della Camera, convocata dal presidente Fico. E il premier Giuseppe Conte ha scritto ai due presidenti per dare la sua disponibilità a intervenire in Parlamento per comunicazioni sulla crisi in corso.

Ma quale sarà il destino dei partiti maggiori in Sicilia? Quale sarà il loro ruolo in questa partita romana?

Iniziano a celarsi indiscrezioni sul fatto che Matteo Salvini probabilmente vorrà correre da solo qualora si andasse al voto. Quindi, al momento, l’unica possibile alleanza per il ministro dell’Interno è con il partito della Meloni, Fratelli d’Italia.

Quindi le strade percorribili per il centro-destra siciliano, al di là delle indiscrezioni romane, potrebbero essere soltanto due. Un’orgia di partiti: da Forza Italia, passando dal movimento del governatore, raggiungendo l’Udc e tutti i partiti minori che costellano quel mondo che farebbero ‘cerchio’ sul leader Salvini. Oppure una lotta interna fatta dalla Lega e Fdi contro Forza Italia, Udc, e ‘chi più ne ha più ne metta‘. L’unico rebus la posizione di Diventerà Bellissima che al momento non è chiara la sua collocazione in questo ipotetico match.

Molti politici siciliani auspicano una grande coalizione del centro-destra. Come il deputato regionale Vincenzo Figuccia, che tiene però a precisare che: “Sono certo che Salvini non dimenticherà le offese subite da qualche  politico nostrano, che oggi fa retromarcia solo perchè a caccia di poltrone, come i Siciliani non dimenticheranno chi in tanti anni è stato colpevole di creare sotto sviluppo e disoccupazione nella propria terra”. Afferma a IlSicilia.it Figuccia. “Le politiche potranno essere un’occasione per rinnovare la rappresentatività della classe politica, che in Sicilia viene eletta dal popolo a Roma. Dalla Sicilia mi candido per il rilancio della visione di un centro destra unito ma rinnovato. Non è solo una questione generazionale, ma soprattutto culturale e di merito. Servono programmi, investimenti e risorse per le infrastrutture e l’occupazione in Sicilia. Le valutazioni legate alla possibilità  di ridurre il divario con le altre aree del paese, sbloccare l’esodo e lo spopolamento delle nostre città, siano l’obiettivo guida per partiti e cittadini al momento delle scelte.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.