Figuccia lancia l'allarme: "A gennaio Bellolampo sarà satura. Infiniti sprechi della Rap" :ilSicilia.it
Palermo

Figuccia vs Orlando. La Rap non faccia la fine dell'Amia

Figuccia lancia l’allarme: “A gennaio Bellolampo sarà satura. Infiniti sprechi della Rap”

25 Ottobre 2017

Non si ferma lo “sciame” di polemiche sui conti della Rap. Ne abbiamo parlato a lungo sul nostro giornale, evidenziando come l’Azienda Risorse Ambiente navighi in acque molto agitate. Al buco di 17 milioni di euro adesso si aggiunge il costo, a dire della consigliera comunale dell’Udc Sabrina Figuccia, di quasi un milione di euro, che ogni anno la Rap spende per pagare gli affitti delle sue dieci sedi, tra cui il deposito di Brancaccio, finito sotto un’inchiesta dei carabinieri, che non lo hanno chiuso per evitare che la già disastrata situazione dei rifiuti in città diventasse ancora più esplosiva”.

E non meno critici sullo stato di salute della Rap e sul blitz al deposito di Brancaccio erano stati anche i sindacati Fit Cisl, Uiltrasporti, Fiadel e Filas che avevano parlavano di “mancanza di tutela della salute degli operatori e della loro sicurezza. Tema che era già stato al centro delle assemblee del 2013 e del 2014, ma come sempre, addebitando la responsabilità ai lavoratori”.

“E come se non bastasse – ha aggiunto la Figuccia – nelle scorse settimane il deposito di Partanna Mondello è stato venduto dalla curatela dell’Amia e, tra poco meno di due anni, la situazione della Rap peggiorerà ulteriormente. Per non parlare della discarica di Bellolampo, che sarà utilizzabile, al massimo, fino al prossimo gennaio”. L’esponente dello scudo crociato ha poi chiesto l’intervento immediato del sindaco Orlando per “evitare che vada in scena nuovamente lo stesso pseudo dramma della fine dell’Amia.

“Basta – ha sottolineato infine la consigliera -. I palermitani ormai sono stanchi di una città perennemente sporca, con discariche abusive disseminate ovunque, con una raccolta rifiuti che, quando va bene, è altalenante e quando va male diventa una chimera. E’ arrivato il momento di dare risposte concrete. Il tempo delle promesse e delle parole è finito”.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.