Figuccia (Udc): "Non mi lascio intimorire dai personaggi della politica supina" :ilSicilia.it

il deputato sui social

Figuccia (Udc): “Non mi lascio intimorire dai personaggi della politica supina”

di
6 Ottobre 2019

È già “guerra preventiva” sull’annunciata presenza del deputato regionale dell’Udc, Vincenzo Figuccia alla puntata di “Non è l’Arena” in onda stasera su La7.  Figuccia, sarà fra gli ospiti di Massimo Giletti.

L’esponente politico palermitano, infatti, ha scritto una lettera a Massimo Giletti con contenuti molto duri e apertamente in contrasto con il presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè.

Il deputato si abbandona ad un lungo sfogo che tratta i temi della disoccupazione giovanile, di una grave depressione economica che costringe i giovani ad abbandonare la propria terra per cercare fortuna altrove, della reticenza della politica di lasciare i propri privilegi (ed il riferimento in particolare va al sempre rinviato al taglio dei vitalizi).

Su Miccichè, Figuccia rincara la dose: “Purtroppo per lui, ma soprattutto per i siciliani, sta sbagliando tutto e chi per posizioni precostituite di partito, di coalizione, fa la scelta di difenderlo, purtroppo difende l’indifendibile”.

Faccio parte di una maggioranza alla quale si ascrive anche lo stesso Miccichè, ma spero potrà essere data voce ad una parte che ritengo essere sana che con quel modo di essere non vuole avere nulla a che fare e che a lotta ogni santo giorno per cambiare le cose in posizione distinta e distante da atteggiamenti arroganti, indifendibili e scellerati”.

Parole durissime che sono state replicate con altrettanta foga da diversi esponenti di Forza Italia, come Tommaso Calderone, Giuseppe Milazzo e Matilde Siracusano, che parlano di sciacallaggio politico e di pubblicità a scopi personali e a danno della Sicilia.

Ma Figuccia non si intimorisce minimamente e prima di prendere il volo per andare in trasmissione da Giletti, sui social scrive: “Alcuni personaggi della #politica supina al potere mi attaccano in branco per difendere chi non vuole eliminare i #vitalizi e chi ha più volte dichiarato, che non può vivere con una pensione di parlamentare da 4.000 euro al mese. Avanti il prossimo…vogliono intimidirmi…ma secondo Voi,  io mi fermo? Voliamo a #La7 a raccontare la verità e a difendere la #Sicilia che vuole ripartire“.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.