25 aprile 2018 - Ultimo aggiornamento alle 08.38
caronte manchette
caronte manchette

"Assistiamo a distribuzione collegi ai più devoti"

Figuccia vs Miccichè: “Si dimetta da coordinatore di Forza Italia”

11 gennaio 2018

“Non si può criticare, giustamente, il presidente del Senato Grasso che mantenendo la funzione si trova pure a fare il leader del suo movimento politico e contemporaneamente far finta di nulla su Gianfranco Miccichè eletto presidente dell’Assemblea regionale siciliana, mentre contemporaneamente mantiene la carica politica di coordinatore regionale di Forza Italia”. Lo afferma Vincenzo Figuccia, deputato regionale dell’Udc.

‘Il centrodestra non può tollerare queste forme di regime marxistaaggiunge – e deve affrontare questa pesante questione dei ruoli istituzionali coincidenti con ruoli politici in capo alle medesime persone. Davanti alle prossime elezioni politiche, assistiamo in Sicilia alle azioni di ingordigia di chi da palazzo dei Normanni agisce anche nella formazione delle liste, incontra amici e distribuisce collegi ai più devoti. Credo che debba essere lo stesso Silvio Berlusconi, leader del centrodestra, a fare chiarezza sul ruolo, o doppio ruolo, di Miccichè”.

i calcoli del senatoreIl senatore Francesco Scoma, vice coordinatore di Forza Italia in Sicilia, replica così: “Vorrei ricordare al deputato regionale Figuccia, che evidentemente soffre di una qualche sindrome che gli procura delle forti perdite di memoria, che da alcuni mesi non fa più parte di Forza Italia, ma di un altro gruppo, chissà per quanto tempo ancora. Faccia all’interno del suo gruppo parlamentare quello che meglio crede, se glielo lasceranno fare, e non si preoccupi di Forza Italia a meno che non voglia fare il dittatore in casa d’altri. Gli vorrei consigliare – prosegue – di smetterla con questo continuo attacco al Presidente dell’Ars, Gianfranco Miccichè, che sta svolgendo il suo ruolo politico e istituzionale in maniera impeccabile, solamente per avere tribuna e visibilità sui media. Cambi registro e trovi altre fonti per non cadere nell’oblio, visto che anche i bambini hanno compreso che le sue dimissioni da assessore ai rifiuti non avevano nulla a che vedere con la questione degli stipendi ai dipendenti dell’Ars, ma per palese inconsistenza e incapacità amministrativa. Meglio la protesta che la proposta. Più complicato è trasformare i problemi in soluzioni”.

Giuseppe Milazzo

Anche Giuseppe Milazzo, capogruppo di Forza Italia al Parlamento siciliano, ha risposto a muso duro a Figuccia: “Nessuna incompatibilità di Gianfranco Miccichè. Certamente, svolgerà il suo ruolo con grande imparzialità, come lui stesso ha evidenziato all’Assemblea nel suo discorso d’insediamento, quando ha rimarcato che «mentre la maggioranza si garantisce da sola, rivolgerò maggiore attenzione alle minoranze». Questa – continua Milazzo –  mi sembra la migliore garanzia che il Parlamento possa ricevere. Inoltre, invito il collega Figuccia a occuparsi delle cose che appartengono al suo partito, poiché ricordo che Miccichè è il segretario di FI e non dell’UDC. Infine – conclude Milazzo – ricordo che l’Ufficio di Presidenza si è costituito nel pieno rispetto dei criteri di rappresentanza e di proporzionalità delle forze politiche. Per cui, suggerisco a Figuccia di chiudere ogni polemica e non farsi sopraffare dall’eccessivo accanimento terapeutico, poiché rischierebbe di finire come Don Chisciotte, ovvero a fare la guerra ai Mulini a Vento. Se così non fosse, gli consiglio di rivolgersi ad un bravo specialista”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Relazione terapica fra vincolo e opportunità

Nel rapporto con lo Psicologo si mettono in atto le modalità tipiche personali di rapportarsi agli altri, i meccanismi difensivi utilizzati, gli errori percettivi e come l’individuo si protegge da persone, idee o consapevolezze dolorose.